Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Lavori alla stazione di Frosinone, Legambiente: «Gli alberi dei giardinetti non vanno tagliati»

Lavori alla stazione di Frosinone, Legambiente: «Gli alberi dei giardinetti non vanno tagliati»
2 Minuti di Lettura
Sabato 25 Giugno 2022, 10:02 - Ultimo aggiornamento: 14:13

«Giù le mani dagli abeti dei giardini pubblici della Stazione». Legambiente, con l'inizio dei lavori di riqualificazione allo Scalo, lancia un appello per salvare il patrimonio arboreo che rischia di essere sacrificato con la realizzazione della nuova piazza che sorgerà davanti alla stazione del capoluogo.

«A Frosinone, oggi, abbiamo un disperato bisogno di alberi - scrive l'associazione - Per l'ombreggiamento, nelle aree urbane arroventate dal cemento e dall'onnipresente asfalto; per assorbire gli agenti inquinanti, in città assalite dalle polveri sottili; per mitigare le temperature durante le ondate di calore; per stoccare carbonio e sottrarlo all'atmosfera. Privare la città di alberi, specialmente quelli più grandi, è, in tempi di emergenza climatica, un delitto».

Per Legambiente il taglio degli alberi «non potrà essere adeguatamente compensato da qualche nuova piantumazione né dal previsto ampliamento, pur apprezzabile, della superficie destinata a verde pubblico». L'associazione quindi si rivolge alla nuova amministrazione che si insedierà e chiede di «sospendere i lavori e di sottoporre il progetto ad una revisione in corso d'opera che salvaguardi il patrimonio arboreo dell'area, e in particolare il grande abete. Auspichiamo inoltre che il Comitato civico Laboratorio Scalo, che ha condiviso il progetto di riqualificazione con l'amministrazione uscente, voglia supportare la nostra istanza».

© RIPRODUZIONE RISERVATA