La PFM canta De André
Grande attesa
per il concerto al Nestor

Grande attresa per il concerto di sabato sera al Teatro  Nestor di Frosinone (ore 21). L’estro della Premiata Forneria Marconi ( PFM) con il fascino delle canzoni di De André: un binomio che si traduce in una serata di grande attrazione, che sta richiamando centinaia e centinaia di fans da tutta la Regione.
Dunque la Premiata Foneria fa tappa in Ciociaria con “ PFM CANTA DE ANDRÉ - Anniversary” superando così i 100 concerti nel 2019 .
Un anno intenso il 2019 per PFM; iniziato a febbraio e culminato nell’evento all’Arena di Verona insieme a Cristiano De André, lo scorso 29 luglio; l’estate è proseguita con un intenso “TVB Tour” in cui PFM ha presentato il proprio repertorio e con una straordinaria esibizione allo Sferisterio di Macerata. Un anno di riconoscimenti tra cui il Premio Nazionale Franco Enriquez, il Premio Miglior Tour (Rock targato Italia), il Premio Pierangelo Bertoli “ITALIA D’ORO” e infine la rivista inglese “PROG UK” nomina Franz Di Cioccio tra le 100 icone della “musica che hanno cambiato il nostro mondo” (unico musicista del mondo latino).
« PFM canta De André - Anniversary» avrà sul palco una formazione spettacolare con due ospiti d’eccezione: Flavio Premoli (fondatore PFM) con l’inconfondibile magia delle sue tastiere e Michele Ascolese, storico chitarrista di Faber.
IL GRUPPO
La Premiata Forneria Marconi ha uno stile inconfondibile che combina la potenza espressiva della musica rock, progressive e classica in un’unica entità affascinante. Nata nel 1970 la band ha guadagnato rapidamente un posto di rilievo sulla scena internazionale.
Nel 2017 PFM è stata premiata con la posizione n. 50 nella “Royal Rock Hall of Fame” tra i 100 artisti più importanti del mondo, mentre nel 2018 ha ricevuto a Londra il prestigioso riconoscimento come “International Band of the year” ai Prog Music Awards UK.
Il concerto di sabato sera al Teatro Nestor è organizzato dall’Associazione «Ventidieci».

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Botte per buttare i sacchetti e le dispute rabbiose sul web

di Pietro Piovani