Inquinamento del Sacco: l'Ordine dei Medici
scende in campo, vicino ai cittadini


 I recenti episodi, che hanno allarmato l’intera Valle del Sacco, preoccupano l’Ordine dei Medici che scende in campo in difesa dei cittadini e dell’ambiente.
“Mettiamo a disposizione tutta la nostra struttura, la nostra esperienza, la nostra conoscenza del territorio, per combattere una delle forme di inquinamento più odiosa e ripugnante” commenta il presidente dell’Ordine Fabrizio Cristofari.
“La salute dei cittadini - prosegue il presidente Cristofari - sia se messa in pericolo dallo smog sia dalle acque avvelenate, è la nostra priorità. E, di fronte ad uno scenario dalle proporzioni smisurate, non possiamo che dare la nostra più completa disponibilità per tutelare l’intera popolazione. Di certo non staremo a guardare. 
La grande mobilitazione, che ha attirato l’attenzione del Ministro dell’Ambiente Costa ci vede in prima linea assieme al Prefetto di Frosinone Portelli, ai tecnici dell'Arpa, alle squadre del reparto ambientale marino e ai carabinieri.
I cittadini sono preoccupati e angosciati, a volte anche sfiduciati per le difficoltà a colpire chi inquina. Ma noi, Medici del territorio, siamo al loro fianco per dar loro fiducia e speranza che, alla fine, le Istituzioni, tutte assieme, sapranno contrastare il ripetersi di questi episodi e vincere questa battaglia monitorando in modo capillare il corso del fiume.
Il disastro ambientale che minaccia il nostro territorio è di proporzioni allarmanti: ecco perché l’Ordine dei Medici ascolta con grande partecipazione e sensibilità il grido d'aiuto che proviene dai cittadini per fornire loro tutte le opportune risposte sanitarie che possano rassicurare il loro, e il nostro futuro"  conclude il presidente Fabrizio Cristofari.  

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Divisioni a due cifre: ricordate? Incubo per studenti (e genitori)

di Veronica Cursi