Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Tre ragazzi indagati per uno stupro di gruppo, i carabinieri del Ris tornano nella casa

Gli accertamenti scientifici in un appartamento di Ceccano

Tre ragazzi indagati per uno stupro di gruppo, i carabinieri del Ris tornano nella casa
di Marina Mingarelli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 31 Marzo 2022, 08:42 - Ultimo aggiornamento: 08:48

Proseguono le indagini sul presunto stupro di gruppo ai danni di una 19enne di Alatri avvenuto e che vede indagati tre giovani. Ieri il titolare dell'inchiesta, il sostituto procuratore Vittorio Misiti, alla presenza dei difensori degli indagati ( gli avvocati Armando Pagliei, Giampiero Vellucci e Pierfrancesco Pizzuti, e Vincenzo Galione che rappresentata la presunta vittima) ha conferito l'incarico ufficiale ai carabinieri del Ris di Roma per seguire gli accertamenti scientifici. Già nella giornata di ieri gli uomini del Reparto investigazioni scientifiche dell'Arma hanno effettuato il primo sopralluogo nell'abitazione situata in via San Francesco a Ceccano. Qui, stando alla denuncia presentata dalla ragazza, sarebbe avvenuta la violenza di gruppo.

L'appartamento è di proprietà della famiglia dei tre indagati. Il Ris, attraverso apparecchiature sofisticate, in base al racconto fornito dalla presunta vittima, dovranno verificare la presenza o meno di tracce organiche. Gli investigatori in realtà in realtà avevano effettuato un accesso nell'abitazione già scorsa settimana, ma in quella circostanza sono state prelevate soltanto alcune foto.

Sulla vicenda, vista la delicatezza, vige il massimo riserbo. L'inchiesta come detto è partita dopo la denuncia della ragazza. I fatti sarebbero il 26 febbraio. Era un sabato. La ragazza e i tre tre indagati (due lavoratori di 22 anni ed uno studente di 23) si trovavano ad Alatri insieme ad altre persone. La 19enne poi si sarebbe allontanata insieme ai tre ragazzi a bordo di un'auto. Conosceva molto bene lo studente e quindi non avrebbe avuto nulla da temere. I quattro ragazzi si sarebbero quindi recati nell'appartamento di Ceccano e qui i tre avrebbero abusato della giovano. Dal canto loro, attraverso i legali, i tre indagati hanno respinto tutte le accuse sostenendo di non aver fatto alcuna violenza sulla ragazza.

Una vicenda delicata, di cui si conoscono ancora pochi dettagli in attesa dei dovuti riscontri. Gli accertamenti del Ris, intanto, diranno se nell'appartamento di Ceccano siano stato o meno consumati rapporti sessuali. E quindi, nel caso in cui venissero trovate tracce organiche, identificare i presenti.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA