Il Covid torna ad uccidere in Ciociaria
La vittima è una di Ripi

Il Covid torna ad uccidere in Ciociaria La vittima è una di Ripi
di Vincenzo Caramadre
3 Minuti di Lettura
Martedì 19 Ottobre 2021, 07:45

Covid-19: stabili i contagi, calano i ricoveri, ma ieri in Ciociaria c’è stato un decesso. Si tratta di una donna di Ripi 61 anni, morta allo Spallanzani di Roma. 

Per il resto nonostante l’effetto weekend, con il considerevole calo dei tamponi molecolari eseguiti, su 329 tamponi ci sono stati 12 nuovi casi, mentre i negativizzati sono stati 17. Il rapporto tra tamponi e nuovi positivi è stato identico al giorno precedente: 3,6 percento.

Questa la mappa, per territori, dei nuovi positivi: sei a Frosinone, tre a Ceccano, uno ad Amaseno, Paliano e Veroli. Scendono, ulteriormente, invece il numero dei ricoverati nel reparto Covid-19 dell’ospedale Spaziani di Frosinone: si passa dagli otto di domenica ai sette di ieri. Numeri e tendenze che, se rapportate allo stesso periodo dello scorso anno, fanno riflettere sull’effetto dei vaccini.

Lo scorso anno dal 12 al 18 ottobre i positivi furono 711 (12 ottobre, 30 casi; martedì 13 ottobre, 39 casi; mercoledì 14 ottobre, 63 casi; giovedì 15 ottobre, 24 casi; venerdì 16 ottobre, 100 casi; sabato 17 ottobre, 180 casi e il ottobre 18, 275 casi). In particolare il 18 ottobre fu il giorno del record con 275 casi in ventiquattr’ore. Ieri, come già detto, sono stati 12.

Nel resto della regione Lazio, nella giornata di ieri su un totale di 12.776 tamponi, si registrati 202 nuovi casi positivi, 8 decessi, 318  ricoverati, 48 le terapie intensive e 323 i guariti. Il rapporto tra positivi e tamponi è al 1,5 percento. “Aumentano le somministrazioni grazie al green pass. Quando si raggiungerà il 90 percento degli over 12 si potrà rivedere obbligo”, è stato il commento dell’assessore alla Sanità della regione Lazio Alessio D’Amato.

Ma non solo Covid, ieri, come preannunciato sabato, è stato riattivato il servizio di prenotazione Recup. Ci sono stati disagi, legati soprattutto alle attese per le prenotazioni delle prestazione e i pagamenti. L’Asl, con un una nota, si è scusata: "Ci scusiamo per gli eventuali disagi avvenuti oggi (ieri, ndr) nei punti prelievo, dovuti al passaggio al nuovo sistema Recup regionale. Stiamo lavorando per risolvere al più presto le piccole criticità che abbiamo riscontrato”. Nel frattempo prosegue la campagna vaccinale con la somministrazione delle terze dosi, ma è partita anche la campagna antinfluenzale, con la distribuzione della dosi ai medici di medicina generale. Ai medici che svolgono la loro attività in Ciociaria sono state distribuite oltre 85 mila dosi di antinfluenzale. Vaccino che, come noto, è inoculabile assieme alle dosi antiCovid.

© RIPRODUZIONE RISERVATA