Giochi della chimica, l'Itis del Tulliano sugli scudi: gli studenti del triennio tutti nella top ten regionale

Un grande in bocca al lupo all'alunna Ester Notarantonio che rappresenterà la regione Lazio nella finale nazionale

Giochi della chimica, l'Itis del Tulliano sugli scudi: gli studenti del triennio tutti nella top ten regionale
di Roberta Pugliesi
3 Minuti di Lettura
Sabato 14 Maggio 2022, 16:39 - Ultimo aggiornamento: 16:41

Giochi nazionali della Chimica 2022: i primi dieci classificati nel Lazio sono tutti studenti del Tulliano di Arpino, sezione Itis per chimici. Un risultato incredibile che premia l'ottimo lavoro di tutto il personale scolastico.
Gli alunni stravincono le finali regionali occupando non solo il podio ma addirittura i primi dieci posti della graduatoria finale nella categoria riservata al triennio. Ma anche gli alunni del biennio si sono ben distinti avendo ottenuto ottime posizioni nella graduatoria finale.

La manifestazione nazionale è organizzata dalla Società chimica italiana su incarico del Ministero dell'Istruzione.
I primi tre alunni dell'istituto arpinate classificati per il Lazio - Ester Notarantonio, Angelo Leone e Federico Coraggio - si sono recati ieri a Roma per la premiazione, presso l'aula seminari del Dipartimento di Scienze e tecnologie chimiche dell'Università di Roma Tor Vergata.

Tra i migliori classificati del biennio si segnalano gli studenti Cellucci Jonathan e Zoffranieri Gianmarco.
Il prossimo step previsto per i Giochi della Chimica sarà la finale nazionale, che si terrà a Roma dal 25 al 27 maggio, gara cui parteciperanno solo i primi classificati di ogni regione.

La dirigente Paola Materiale e tutti i docenti dell'Iis Tulliano di Arpino si complimentano con tutti i partecipanti che si sono messi in gioco e fanno un grande in bocca al lupo all'alunna Ester Notarantonio, che rappresenterà la regione Lazio nella finale nazionale.

La competizione dei Giochi della Chimica viene organizzata ogni anno dal 1987 dalla Società chimica italiana che invita gli studenti delle scuole superiori di secondo grado più versati nel campo delle discipline chimiche a partecipare alla gara organizzata su incarico del Ministero dell'Istruzione.

La manifestazione si articola in tre distinte classi di concorso: una riservata in maniera indifferenziata agli studenti dei primi due anni della scuola secondaria superiore; una riservata agli studenti del triennio; una riservata agli studenti del triennio dei nuovi istituti tecnici, settore Tecnologico, indirizzo Chimica, materiali e biotecnologie. Ora dunque, le speranze del Lazio di poter trionfare nella finalissima sono riposte nella studentessa del Tulliano di Arpino.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA