La Val di Comino casa della cultura:
recital di Muccino al premio letterario

Domenica 20 Ottobre 2019

Il teatro comunale d’Alvito gremito, applausi a scena aperta e ancora un successo, che si rinnova dal 1976, da 43 anni. Da quando in seno al Consiglio provinciale di Frosinone nasceva il premio letterario “Val di Comino”.
“Il prestigio di un riconoscimento letterario – sottolinea il fondatore Gerardo Vacana, ex assessore e poeta – è tutto nella scelta dei premiati. Sono passati da qui i più grandi scrittori italiani, tutti in qualche modo sono rimasti legati al territorio ed all’iniziative del Centro Studi Letterari che organizza l’evento. Un evento legato come pochi alla Val di Comino ed alla Ciociaria".
Nell'albo d'oro del Premio compaiono, tra gli altri, i nomi di Mario Luzi, Andrea Zanzotto, Edoardo Sanguineti, Tonino Guerra, Vivian Lamarque, Maria Luisa Spaziani, Giovanni Raboni, Luciano Erba, Jolanda Insana, Claudio Magris, Luigi Baldacci, Evgenij Solonovich, Jacqueline Risset, Sergio Givone, Giuseppe Bonaviri, Alberto Bevilacqua; ma anche gli attori Giancarlo Giannini, Giorgio Albertazzi, Enzo Decaro, Enrico Lo Verso, Vincent Spano, Giuliana De Sio, Lina Sastri, Angela Luce, Violante Placido.
Oggi, nel palazzo ducale di Alvito, si è segnato un nuovo successo. Una sala stracolma ha applaudito i vincitori dell’edizione 2019: per la saggistica letteraria Raffaele Manica per l’insieme della sua opera; per la saggistica storica Luigi Gulia per l’insieme della sua opera; Carlos Vitale per la traduzione in lingua spagnola dei poeti italiani; per il giornalismo Daniele Di Mario, per il teatro, invece, per la prima volta in Ciociaria, l’attore Silvio Muccino, premiato alla carriera e poi sul palco anche per un recital di poesie. © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma, sul tram 8 l'incontro con l'assassino

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma