Frosinone, Pierpaola D'Alessandro nuovo direttore generale dell'Asl

Frosinone, Pierpaola D'Alessandro nuovo direttore generale dell'Asl
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 4 Novembre 2020, 08:43 - Ultimo aggiornamento: 22:14

Il nuovo direttore generale dell’Asl di Frosinone è la dottoressa Pierpaola D’Alessandro, attuale direttore amministrativo. 

A proporre il nome della dottoressa  D’Alessandro nel corso della riunione della Commissione Sanità della Regione Lazio che c’è stata ieri mattina è stato l’assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato.  I membri della commissione sanità hanno avuto tra le mani una rosa di 29 nominativi, alla fine la scelta è ricaduta sull’attuale direttore amministrativo, arrivata all’Asl di Frosinone nel mese di gennaio 2020, su chiamata dell'allora direttore generale Stefano Lorusso

LEGGI ANCHE ---> Asl di Frosinone, continua il valzer dei direttori generali: 14 nomine in 20 anni

Il voto in Commissione Sanità è stato l’atto propedeutico che ha portato il presidente della regione Lazio Nicola Zingaretti a firmare, nel tardo pomeriggio di ieri, l’atto di nomina per tre anni. La dottoressa D’Alessandro andrà a sostituire la dottoressa Patrizia Magrini, attuale direttore generale facente funzioni.

Quello che assumerà il nuovo direttore generale nell’Asl Ciociara è un ruolo molto importante, in un momento di rinvigorita emergenza Covid-19. La mappa della sanità in provincia di Frosinone dovrà essere rimodellata e rimodulata per far fronte alla nuove esigenze. La telemedicina, ma anche e soprattutto la garanzia dei servizi sanitari di eccellenza per far convivere con l’emergenza Covid-19. I presupposti ci sono: la Regione Lazio nutre ampia stima professionale nei confronti della dottoressa D’Alessandro. 

Al termine della seduta della commissione l’assessore alla Sanità Alessio D’Amato ha affermato: «Entrambe le direttrici (riferendosi anche alla nomina del dg dell’Asl di Viterbo, ndr) - ha evidenziato - hanno una formazione professionale caratterizzata dagli aspetti di gestione dell'azienda con un profilo curriculare di carattere organizzativo ed entrambe provengono da esperienze in altre realtà aziendali». 

© RIPRODUZIONE RISERVATA