Frosinone, uccise la moglie ma evitò il carcere: 4 anni dopo arrestato per il furto di un gelato

Venerdì 25 Maggio 2018
11
Il carcere di Cassino
Accusato dell’omicidio della moglie, non era finito in carcere. Per aver rubato un gelato da una macchinetta erogatrice, invece, Emiliano Frocione, salito alla ribalta delle cronache per aver ucciso la coniuge con tredici coltellate, è finito ieri tra le sbarre. E' accaduto in una casa di cura di Cassino, dove l’uomo sta seguendo un percorso riabilitativo. Nel luglio scorso i giudici della Corte d’appello di Roma, riconoscendogli l’attenuante della provocazione, avevano ridotto la pena da 18 a 14 anni di reclusione. Erano stati proprio i magistrati capitolini a respingere la richiesta di far tornare l’uomo in carcere.

Per aver preso un cremino, invece, il 37enne di Alatri è stato trasferito nel penitenziario di via Sferracavalli, a Cassino. La dirigenza della casa di cura ha segnalato quel comportamento alla procura generale che ha avviato la procedura per far scattare l’arresto. Nella giornata di oggi il legale difensore presenterà istanza di scarcerazione.
L’omicidio della moglie Alessandra Agostinelli di 34 anni si consumò nell’abitazione di Pignano ad Alatri nel settembre del 2014. Emiliano Frocione, all’epoca 37enne, secondo l'accusa al culmine di una lite per motivi di gelosia colpì a morte la donna con un’arma da taglio. Ultimo aggiornamento: 26 Maggio, 15:18 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Quelli che vogliono tutelare i piloni della Tangenziale

di Pietro Piovani

Visita i Musei Vaticani, la Cappella Sistina e San Pietro senza stress. Salta la fila e risparmia

Prenota adesso la tua visita a Roma