Scoperta frode fiscale, maxi sequestro di beni: verifiche partite da Frosinone

Scoperta frode fiscale, maxi sequestro di beni: verifiche partite da Frosinone
2 Minuti di Lettura
Sabato 1 Ottobre 2022, 08:49 - Ultimo aggiornamento: 08:50

Una maxi frode fiscale è stata scoperta dai Finanzieri del Comando Provinciale Roma che hanno eseguito il sequestro preventivo di beni mobili e immobili per un valore di circa 700.000 euro nei confronti di 10 persone, tra titolari di ditte individuali e amministratori di diritto e di fatto delle società coinvolte, indagate per le ipotesi di reato di omesso versamento di imposte, nonché di emissione e utilizzo di fatture per operazioni inesistenti.

Il provvedimento cautelare - si legge in una nota - è   l’epilogo degli accertamenti svolti dalle Fiamme Gialle  che hanno preso le mosse da alcune verifiche fiscali nei confronti di società di Viterbo e Frosinone operanti nel commercio all’ingrosso di caffè. Dagli approfondimenti è emersa l’interposizione formale, negli acquisti di merce da altri Paesi dell’Unione Europea e nella rivendita in Italia, di società “cartiere” le quali, prive di qualsivoglia struttura operativa e di personale alle dipendenze, si assumevano l’integrale debito Iva, che non veniva mai versata all’erario. Al vertice del sodalizio due soggetti italiani - uno residente in Slovenia e l’altro nella Repubblica di Malta – che si occupavano delle vendite rispettivamente nell’Italia centro-settentrionale e in quella meridionale. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA