Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Far West in piazza Spada, la Questura chiude un locale di Fiuggi per venti giorni

Il sindaco Alioska Baccarini aveva chiesto e ottenuto la convocazione di un comitato di ordine e sicurezza pubblica presso la Prefettura

Far West in piazza Spada, la Questura chiude un locale di Fiuggi per venti giorni
di Andrea Tagliaferri
3 Minuti di Lettura
Domenica 5 Giugno 2022, 14:59 - Ultimo aggiornamento: 15:00

Rissa tra i clienti, il questore di Frosinone chiude un locale di Fiuggi per venti giorni. I fatti sono accaduti lo scorso 21 maggio. Quella sera alcuni avventori del locale, stando a quanto riferisce la polizia, «hanno cominciato a scambiarsi pugni e calci per poi passare al lancio di tavoli e sedie del locale, rischiando anche di colpire le ignare famiglie ed i bambini che, in quel momento, si stavano solo godendo la movida e una passeggiata in piazza Spada».

Sono partite le indagini e, l'altro ieri, gli agenti del Commissariato di polizia di Fiuggi, coordinati dal vice questore Sergio Vassalli, hanno notificato il provvedimento di chiusura per venti giorni che è stato adottato dal questore di Frosinone Domenico Condello. La misura, prevista dall'articolo 100 del Testo Unico delle Leggi di Pubblica Sicurezza, è scattata proprio in seguito all'ultima scazzottata «che ha gravemente turbato l'ordine e la sicurezza pubblica della città termale si legge nella nota della questura - destando forte allarme nella cittadinanza».
 
Sulla vicenda era intervenuto anche il sindaco di Fiuggi, Alioska Baccarini, che aveva chiesto e ottenuto la convocazione di un comitato di ordine e sicurezza pubblica presso la Prefettura. Nel corso del vertice svoltosi alla presenza del questore e dei rappresentanti delle forze dell'ordine, era stata formalizzata la necessità di interventi più opportuni da mettere in atto ed era stata sottolineata l'importanza di un coinvolgimento di tutti gli attori in campo, compresi i titolari delle attività commerciali.

Nel frattempo, è stato formalmente avviato un tavolo tecnico tra tutte le parti, a cui ha partecipato anche il comandante della polizia locale di Fiuggi, ed è allo studio la disciplina dello svolgimento delle attività d'intrattenimento. «L' obiettivo di tutti ha annunciato il sindaco - è quello di marginalizzare quei pochi facinorosi che stanno rovinando le serate fiuggine e il nome della città».

Ai titolari delle attività commerciali «l'amministrazione comunale ha consegnato una bozza di protocollo condivisa, da sottoscrivere tra tutte le parti, nonché le direttive per poter lavorare con la massima sicurezza e tutela per tutti i soggetti interessati. In tale contesto è l'auspicio di Baccarini - maggior sicurezza e controllo potranno offrire le telecamere audiovisive, in corso di installazione sia a piazza Spada che nelle altra parti della città, già sperimentalmente in uso».
 
Non è la prima volta che piazza Spada balza agli onori della cronaca. Il salotto della città termale, ora ritrovo della movida anche per i giovani provenienti dai comuni vicini, tempo fa è stato al centro di una inchiesta dei carabinieri contro lo spaccio di droga. La piazza era stata trasformata il luogo per lo smercio delle sostanze stupefacenti. I pusher, in attesa dei clienti, nascondevano le dosi nelle fioriere e nei vasi.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA