CORONAVIRUS

Solidarietà per l'epidemia, emigranti ciociari donano 15 caschi per la ventilazione

Sabato 28 Marzo 2020 di Andrea Tagliaferri
il casco Cpap per la ventilazione forzata non invasiva
Continuano a riscuotere interesse e riscontro le iniziative di solidarietà in favore degli ospedali e dei sanitari che lottano per la comunità contro l’emergenza da Coronavirus.

Ottime notizie da Brisbane, Australia, dove la fumonese Stefania Del Monte, referente per l’Associazione per l’Italia nel Mondo, ha chiuso la raccolta fondi lanciata online in favore dell’ospedale Covid Spallanzani di Roma. Proprio ieri alla giornalista ciociara è arrivata una nota a firma del direttore generale Marta Branca che la ringrazia per il bonifico di 2500 euro che servirà all’acquisto di 15 caschi CPap per la ventilazione meccanica non invasiva per pazienti in infezione polmonare da Coronavirus.

LEGGI ANCHE ---> Virus, Stirpe (Confindustria): «Effetti devastanti. Tre mosse per salvarsi, ma servirà il 2021. Il Frosinone? Se la B finisce qui, voglio la A»

Ottimi risultati, ad oggi, anche per la raccolta fondi online lanciata da Anna Rita Pelorossi, Alberta Bernardi e Maurizio Pirazzi in favore, questa volta, dell'ospedale di Alatri "San Benedetto".

Nel giro di cinque soli giorni, infatti, sono stati già raccolti oltre 16 mila euro e le donazioni continuano a crescere costantemente, anche grazie alla nuova modalità messa a disposizione di chi volesse donare con bonifico. Avendo, infatti, prescelto il Comitato San Benedetto quale beneficiario unico della raccolta fondi, si potrà versare la propria offerta, oltre che sulla piattaforma gofundme.com, anche attraverso un iban che è il seguente: IT37B0529774270CC1010065511, intestato a COMITATO SAN BENEDETTO con l’ eventuale causale “Donazione x Osp. S. Benedetto emergenza Covid”.

LEGGI ANCHE ---> Stipendi sospesi, la serie A si rifugia in corner

Con questa novità anche chi non avesse dimestichezza con i pagamenti elettronici potrà partecipare e fare del bene. Da ultima, l’iniziativa della sede comunale alatrense dell’Avis donatori di sangue, la cui presidente Vanda Cecchinelli ha reso noto che donerà parte del rimborso Asl in arrivo nelle prossime settimane, proprio alla causa del San Benedetto mediante la raccolta fondi già in corso ed ha invitato tutti i donatori abituali ma anche i nuovi interessati a fare un doppio gesto di solidarietà: in un sol colpo, donare prezioso sangue sempre necessario e aiutare, di conseguenza, anche la donazione di soldi.
 
  © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani