COVID

Covid, la curva rallenta e domani test veloci a Castrocielo

Sabato 28 Novembre 2020

Curva dei contagi da Covid-19 stabile: ma in provincia di Frosinone si continua a morire. Ieri ci sono stati tre decessi: si tratta di un uomo di 83 residente a Ceprano, un uomo di 52 residente a Paliano e una donna di 87 anni residente a Pontecorvo.
I nuovi contagi, invece, sono stati 151, mentre i negativizzati 299. 
Nei singoli centri la situazione è stata la seguente: Sora 22 nuovi casi e 26 guariti, Alatri 11 casi e 20 guariti, a Castrocielo 10 casi e 2 guariti, a Cassino 9 casi e 12 guariti, a Ceccano 8 casi e 18 guariti, a Frosinone 8 casi e 25 guariti, a Fiuggi 7 casi e 9 guariti a Veroli 7 casi e 12 guariti. 
A Castrocielo i carabinieri della compagnia di Pontecorvo, dopo l’esposto del sindaco Filippo Materiale, hanno eseguito tutti gli accertamenti sulla morte di un uomo di 75 anni del posto. Il sindaco Materiale aveva affermato: «Quel decesso merita un approfondimento». La Procura di Cassino, avute tutte le informazioni raccolte dai carabinieri, ha ritenuto di non procedere al sequestro delle salma e, per ora, non è stato aperto nessun fascicolo d’indagine.
SCREENING A CASTROCIELO
Ma proprio a Castrocielo domani nei pressi della Chiesa della Madonna del Pianto, che si trova nei pressi del suggestivo Lago di Capo d’Acqua sarà possibile sottoporsi a un tampone antigenico rapido, nell’ambito di una azione di screening di prevenzione e controllo Covid-19, curata dal Laboratorio «Geo Labo» , azienda presente sul territorio comunale e che si è sempre distinta per l’alta specializzazione dei propri servizi anche in ambito sanitario e da «La.In.» (Laboratori Integrati), laboratorio autorizzato all’esercizio del Presidio di Diagnostica di Laboratorio. L’attività di screening, oltre ad essere eseguita nel rigoroso rispetto delle norme sanitarie e prevenzione, rappresenta un utile servizio per monitorare la condizione sanitaria della popolazione ed evitare così un aumento inconsapevole delle casistiche di positività, mediante l’esecuzione di un tampone antigenico rapido al costo di 22 euro come previsto dal tariffario regionale consigliato. Il tampone verrà effettuato da personale infermieristico professionale e sarà garantito un risultato pressoché immediato, entro 30 minuti. A seguito di una positività al test rapido, il personale infermieristico provvederà alla raccolta del tampone per l’esecuzione del test molecolare. Per tutte le informazione è possibile contattare il numero 377.2176620. 
COSÌ NEL LAZIO
Nell’intera regione Lazio sono stati eseguiti 24 mila tamponi per un totale di 2.276, i decessi sono stati 69, ma c’è stato il record di guariti 1.576. 
Nelle province si sono registrati 569 casi e nove i decessi nelle ultime 24 ore. Nella Asl di Latina ci sono stati 260 nuovi casi, mentre i decessi sono tre, persone di 69, 80 e 88 anni con patologie. Nella Asl di Viterbo ci sono stati 73 nuovi casi e tre decessi, persone di 87, 89 e 93 anni con patologie. Nella Asl di Rieti, infine, si sono registrati 85 casi . 
«Il virus rallenta - ha spiegato l’assessore alla Sanità della Regione Lazio, Alessio D’Amato - se confrontiamo il valore di questo ultimo venerdì del mese con il valore del primo venerdì del mese di novembre abbiamo 423 casi in meno. Dobbiamo consolidare il dato e non abbassare la guardia. Comportamenti come quelli visti a Roma nei grandi centri commerciali sono assurdi, è come mettere benzina nel motore del virus. Se non vogliamo trovarci tra quindici giorni a richiudere tutto vanno evitati».
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA