Covid Frosinone: positivi 4 operai della Fca, un impiegato del Comune di Anagni e un calciatore dell'Eccellenza

Covid Frosinone: positivi 4 operai della Fca, un impiegato del Comune di Anagni e un calciatore dell'Eccellenza
5 Minuti di Lettura
Martedì 13 Ottobre 2020, 07:00

Covid-19, in provincia di Frosinone nelle ultime 24 ore ci sono stati altri 30 positivi. Ecco i centri interessati ai nuovi casi: Monte San Giovanni Campano 6 (di cui 2 ospedalizzati), Cassino 2, Piglio 2, Ceccano 2, Boville Ernica 2, Veroli 2, Sant’Elia Fiumerapido 2. Un caso a: Pontecorvo, Sora, Frosinone, Ripi, Morolo, Patrica, Supino, San Giovanni Incarico, Supino, Anagni (ospedalizzato), San Giorgio a Liri e Giuliano di Roma.

La maggior parte si trova già in isolamento, tre casi invece sono stati in fase di pre-ospedalizzazione.

Nuovi contagi allo stabilimento Fca di Piedimonte San Germano: nella giornata di ieri ci sono stati altri quattro positivi, due ai reparti presse, uno alla lastratura e una alla verniciatura. A Pontecorvo c’è stato un nuovo contagio al plesso della scuola primaria e dell’infanzia a Fornelle, per questo il sindaco Anselmo Rotondo ha firmato l’ordinanza di chiusura fino a mercoledì, per santificare gli ambienti.

Tre casi a Paliano dove il sindaco Domenico Alfieri non manca di sottolineare disguidi nella comunicazione: «Tre nuovi casi di Covid-19 nella nostra Città, tutti quelli comunicati precedentemente sono negativizzati . La cosa preoccupante  è che ho queste informazioni grazie alla collaborazione con i medici di base che ringrazio e non attraverso le previste comunicazione ufficiali delle Asl che in questi casi dovrebbero tempestivamente effettuare. Mi riferiscono che ciò avviene in quanto i soggetti hanno effettuato i tamponi a Colleferro che trasmette alla Asl di Guidonia che dovrebbe trasmettere alla Asl di Frosinone. Guidonia tarda a farlo».

Gli alberghi Covid

L’Asl di Frosinone ha pubblicato l’avviso per la manifestazione d’interesse per l’acquisizione di strutture alberghiere per i pazienti che non necessitano di un’assistenza ospedaliera in senso stretto, ma che richiedono un periodo di quarantena sia a seguito delle dimissioni ospedaliere sia per l’impossibilità di trascorrere tale periodo nel proprio domicilio. Le strutture dovranno avere due ali separate o separabili: una da destinare ai pazienti clinicamente guariti o asintomatici dimessi, l’altra ai Covid negativi in isolamento. Le zone interessate sono: Cassino e Fiuggi, dove si cercano strutture con minino 50 posti letto. La Asl riconoscerà un costo masstimo di 110,40 euro Iva inclusa. Il contratto sarà di 4 mesi rinnovabili.

E aumentano anche i laboratori privati autorizzati ad eseguire il tampone rapido antigenico, al costo di 22 euro, per rilevare la presenza di Covid-19. In provincia sono 7: San Raffaele Cassino, Veroli Città Bianca, Villa Gioia a Sora, Biolab a Veroli GES.L.AN. Laboratorio di analisi a Frosinone e EMO-LAB Alatri.

Nel Comune di Anagni

E il covid entra anche nel palazzo comunale di Anagni. Ieri il sindaco Daniele Natalia ha annunciato un caso positivo al Covid-19 presso gli uffici del protocollo del Comune: «Nonostante il dipendente sia asintomatico- ha detto il sindaco- sono state immediatamente attivate tutte le procedure del caso. I colleghi si sono sottoposti sia al test sierologico che al tampone e sono risultati, fortunatamente, negativi. Si tratta dunque di un episodio isolato e circoscritto».

Nonostante ciò, ha spiegato ancora il primo cittadino, «pur non essendo assolutamente coinvolto nel contagio il personale dell’ufficio protocollo, si ritiene opportuno e doveroso attivare una diversa procedura per protocollare documenti dall’esterno». Il sindaco ha dunque esortato «i liberi professionisti, le aziende, i commercianti, gli artigiani ed anche i privati cittadini ad utilizzare i mezzi telematici (PEC, email, FAX) per inoltrare al Comune atti e documenti da protocollare o eventuali comunicazioni».

Non potranno dunque «salvo casi eccezionali dunque, che sono relativi all’impossibilità assoluta di inviare comunicazioni o documenti per via telematica, essere accettati documenti cartacei». Se non ci fosse altra strada, il documento «in base alle procedure anti-Covid , dopo la consegna, dovrà essere sigillato e resterà in busta chiusa per 5 giorni prima di essere aperto e protocollato dagli uffici». Ne consegue che, per documenti da inviare in forma cartacea, bisognerà «considerare comunque questo inderogabile periodo di 5 giorni che l’Ufficio Protocollo dovrà rispettare».

Nel campionato di Eccellenza

Un altro caso di Covid nel campionato di Eccellenza, positivo un calciatore del Monte San Giovanni Campano, compagine ciociara che milita nel campionato regionale di Eccellenza, girone C, è risultato positivo al Covid. Tutta la squadra, compreso lo staff tecnico, in isolamento per quattordici giorni. Probabile il rinvio della gara di campionato di domenica prossima che vede i monticiani impegnati sul campo del Morolo. Altri due calciatori che sono stati più a stretto contatto con il calciatore risultato positivo al Covid 19 sono stati sottoposti a tampone: i risultati sono attesi per oggi.

Il Monte San Giovanni Campano domenica scorsa ha giocato contro l’Anagni, ma il calciatore risultato positivo non era convocato. Quindi al momento non ci sarebbero possibilità di contagio.

La squadra dell’Anagni tuttavia, appresa la notizia, in via precauzionale oggi non si allenerà. Si attende l'esito dei tamponi sugli altri giocatori del Monte San Giovanni Campano.

© RIPRODUZIONE RISERVATA