Covid Frosinone: altri sei morti, c'è anche guardia giurata di 38 anni, la più giovane vittima del virus della provincia

Covid Frosinone: altri sei morti, c'è anche guardia giurata di 38 anni, la più giovane vittima del virus della provincia
3 Minuti di Lettura
Mercoledì 6 Gennaio 2021, 03:15 - Ultimo aggiornamento: 7 Gennaio, 12:08

Sei morti in ventiquattr’ore: il Covid scuote la provincia di Frosinone. Un’emergenza senza fine con decine di positivi sparsi su tutto il territorio provinciale, ma ora a far paura sono i decessi. Le vittime di ieri sono un  uomo di 79 anni residente a Vicalvi, un uomo di 67 anni residente a Cassino, una donna di 87 anni residente a Morolo, un uomo di 87 anni residente a Cassino, una donna di 77 anni residente a Pontecorvo e un uomo di 38 anni di Esperia.

La comunità Esperiana piange Emilio Colino, addetto al servizio di sicurezza allo stabilimento Fca di Cassino. Lascia moglie e due figli in tenera età. È la vittima più giovane del Covid in Ciociaria. 
«È una tragedia immane, la nostra comunità ha pagato un prezzo troppo alto a questa pandemia» ha detto il sindaco di Esperia Giuseppe Villani. 


«Emilio, figlio di un ex carabiniere in servizio nel nostro paese era un attivo membro, con carica di vicepresidente, dell’associazione Gioventù Esperiana. Un ragazzo attivo, padre di famiglia che si è sempre distinto per educazione e rispetto», ha aggiunto il sindaco Villani. I funerali domani nella chiesa di San Pietro. 

I nuovi contagi di ieri, comunicati dall’Asl di Frosinone, dopo aver eseguito 1376 sono stati 146, mentre i negativizzati sono stati 131. 


Nel dettaglio: Cassino 22 casi e 14 negativizzati, Cervaro 11 casi e 10 negativizzati, Frosinone 11 casi e due negativizzati, Pontecorvo 10 casi e cinque negativizzati, Pignataro Interamna otto casi e nessun negativizzato, Sora otto casi e sette negativizzati, Roccasecca sei casi e sei negativizzati, Monte San Giovanni Campano cinque casi e nessun negativizzato, San Vittore Del Lazio quattro casi e nessun negativizzato, Isola Liri tre casi e nessun negativizzato.
 

Nel frattempo prosegue a ritmo serrato il piano Vaccinale: nella giornata di ieri l’Asl di Frosinone ha fatto registrare un nuovo record regionale di somministrazione dosi. In sei giorni, dal 31 dicembre scorso, ne sono state somministrate 3291, tutte agli operatori sanitari. Nella regione Lazio sono stati eseguiti 13 mila tamponi per un totale di 1.719 nuovi positivi. I decessi sono stati 72 mentre i guariti 1416. Nelle province si sono registrati 599 casi e quindici i decessi nelle ultime ventiquattr’ore. Nella A Latina 354 nuovi positivi (si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto) e quattro decessi, persone di 68, 75, 89 e 91 anni con patologie. A Viterbo 61 nuovi casi (si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto) e due decessi, persone di 72 e 81 anni con patologie. A Rieti 38 casi (si tratta di casi isolati a domicilio o con link familiare o contatto di un caso già noto) e quattro decessi, persone di 89, 91, 95 e 95 anni con patologie pregresse. 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA