CORONAVIRUS

Calcio serie B, tre date per la ripresa del campionato: il Frosinone attende

Lunedì 25 Maggio 2020 di Maurizio Di Rienzo

Passato il timore per i due casi di positività al coronavirus riscontrati ai test sierologici per altrettanti giocatori, ma che poi sono risultati negativi al successivo esame dei tamponi, da oggi nel Frosinone si torna agli allenamenti individuali in un clima di assoluta tranquillità.

Sui campi del centro sportivo di Ferentino, da questa mattina e con la stessa modalità dei giorni precedenti, i 29 elementi della rosa a disposizione di Nesta e del suo staff, riprenderanno la preparazione dopo i due giorni di riposo.

Due gruppi da 10 giocatori ciascuno lavoreranno in mattinata, il primo alle 9 e il secondo alle 11, mentre quello da 9 sarà impegnato all'interno della struttura sportiva di via Casilina Sud nel pomeriggio, con inizio alle 15.

Ad ogni gruppo di giocatori, prima della seduta, verrà consegnato il programma di lavoro predisposto dall'allenatore e dai suoi più stretti collaboratori, con il pallone che ha fatto già la sua comparsa. Insomma, ci si prepara alla ripresa degli allenamenti collettivi prevista entro la fine di questa settimana e alla ripartenza in grande stile del campionato, stoppato ai primi di marzo a causa dell'emergenza sanitaria.

E, a proposito di campionato, quello di Serie B è tuttora alle prese con il rebus delle date. Nelle ultime assemblee, la Lega ha dimostrato grande compattezza e spirito di solidarietà, come d'altra parte nell'intervista data al Messaggero qualche giorno fa, ha sottolineato Salvatore Gualtieri, direttore della comunicazione del Frosinone. Una compattezza espressa dalla volontà di ripartire da dove ci si era fermati, per portare regolarmente a termine sul campo l'attuale stagione agonistica, evitando così notevoli sofferenze economiche e finanziarie alle 20 Società cadette oltre che scontati strascichi a livello legale.

Ma quando si potrà ripartire con il campionato? Sono tre le date in ballo, e più precisamente sabato 20, martedì 23 e sabato 27 giugno. In Serie B, per la conclusione del torneo, rimangono da disputare 10 partite ricordando, però, che poi servono anche altre 5 date in piena calura agostana, per giocare playoff e playout. Il 20 agosto, comunque, dovrà essere tutto finito con la terza poromozione in Serie A e le 4 retrocessioni in C.

La classifica - Per rispettare i tempi previsti, saranno disputate più partite nello stesso giorno, tranne che per quanto riguarda le semifinali che si giocheranno in contemporanea. Al momento, dando per scontato il salto di categoria del Benevento che veleggia in testa alla classifica con 69 punti (+20 sulla seconda), per le altre due promozioni in A, nei due mesi a disposizione per chiudere la stagione, si darebbero battaglia sicuramente Crotone (49 punti), Frosinone (47), Pordenone (45), Spezia (44), Cittadella (43), Salernitana (42) e Chievo (41). Con un occhio, però, anche all'Empoli attualmente nono in graduatoria con 40 punti. Per quanto riguarda la coda del gruppone, invece, Trapani, Cosenza e Livorno sembrano le più accreditate alla retrocessione diretta, con Cremonese (una gara in meno e 30 punti), Venezia (32) e Ascoli (una partita in meno e 32 punti) destinate a lottare per evitare di fare compagnia alle prime tre.

Il protocollo - Intanto, quella che si apre oggi si annuncia come una settimana decisiva per il mondo del calcio che cerca di ripartire a tutti i costi. In giornata, infatti, il protocollo redatto per il campionato da Figc e Lega arriverà sul tavolo del Ministro dello sport, Vincenzo Spadafora, il quale lo girerà immediatamente agli esperti del Comitato tecnico-scientifico, per poter avere i primi riscontri sulla probabile ripresa del torneo entro giovedì prossimo, giorno in cui è fissato l'incontro tra lo stesso rappresentante del Governo e il mondo del calcio.

Le date su cui si discute sono quelle di sabato 13 giugno (ci sarebbe, però, da rivedere nel prossimo Dpcm la sospensione fino al 14 di tutti gli eventi) e di sabato 20 giugno. A tal proposito giovedì per i club potrebbe esserci qualche certezza in più.

Ultimo aggiornamento: 17:05 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani