Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Frosinone Coronavirus, dai gioielli alle mascherine. La riconversione solidale di "Boccadamo"

Frosinone Coronavirus, dai gioielli alle mascherine. La riconversione solidale di "Boccadamo"
di Stefano De Angelis
2 Minuti di Lettura
Sabato 4 Aprile 2020, 00:06 - Ultimo aggiornamento: 00:07


Prima la donazione di mascherine, ora la riorganizzazione dell’azienda per produrle. Mille al giorno al momento, anche se l’obiettivo è di arrivare a moltiplicarle entro aprile.
Lui, l’imprenditore Tonino Boccadamo, al timone un’azienda di gioielli made in Italy con sede nel capoluogo ciociaro, non è rimasto a guardare di fronte all’emergenza sanitaria e alla crisi economica. Anzi, si è reinventato. Ha subito pensato a come potesse essere utile la sua impresa in questo periodo particolarmente complicato per l’intera Ciociaria. Detto e fatto. Ha avviato, infatti, un percorso di riconversione di parte della produzione per realizzare dispositivi di protezione individuale. Vale a dire quelle mascherine per coprire bocca e naso ritenute fondamentali e che ancora oggi è difficile reperire. Ad annunciarlo è stata l’azienda. Un’idea, si spiega in una nota, nata «pensando anche alle esigenze di uomini e donne che continuano a lavorare per garantire i servizi essenziali all’intera popolazione».
Da qui, dunque, la decisione di «fornire un sostegno concreto». Le mascherine, fabbricate artigianalmente con due strati di tessuto in cotone cento per cento e uno interno di Tnt (tessuto non tessuto) in polipropilene, sono lavabili e riutilizzabili. «Rispondono alle indicazioni tecniche, fornite dal politecnico di Milano su materiali e stratificazioni, rivolte alle aziende in riconversione» si sottolinea.
In questo progetto Boccadamo ha seguito la filosofia di sempre, quella del made in Italy che da oltre quarant’anni l’azienda promuove in Italia e nel mondo. Per le mascherine, infatti, concepite nel quartiere generale di Frosinone, vengono utilizzate stoffe di aziende italiane, con trame e motivi diversi ispirati alla migliore tradizione sartoriale del Paese. L’azienda ciociara, inoltre, attraverso la Fondazione Boccadamo, nei giorni scorsi ha donato migliaia di mascherine per uso chirurgico ai Pronto soccorso degli ospedali della provincia e al Comando provinciale dei carabinieri.

© RIPRODUZIONE RISERVATA