CORONAVIRUS

Coronavirus, controlli dal cielo
a Piglio. Il sindaco sbotta: «C'è ancora chi esce
e va alla pista ciclabile"

Giovedì 26 Marzo 2020


“C'è ancora chi esce di casa per passeggiare in aree chiuse al pubblico, e, dunque, si ostina a essere indifferente alle disposizioni anti Coronavirus”. E' la situazione che ha indotto il sindaco di Piglio, Mario Felli, a decidere di intensificare i controlli nella cittadina.

“La popolazione pigliese sta dimostrando un alto senso civico e di rispetto delle disposizioni, che come primo cittadino mi rende molto orgoglioso. Purtroppo, però, giungono ancora segnalazioni di chi esce di casa, percorrendo luoghi che sono stati interdetti al pubblico, soprattutto lungo la pista ciclabile - afferma il sindaco Felli -. Le stiamo provando tutte per controllare chi continua a mettere a rischio la propria vita e la vita degli altri circolando in strada senza esigenze, ma a quanto pare c’è chi ancora prende con leggerezza questa situazione di grande pericolo”.

Per questo il sindaco ha annunciato l'arrivo di un occhio artificiale per il controllo del territorio a supporto della polizia locale e dei carabinieri: nel cielo volerà un drone. “Il drone – continua Felli - passerà al setaccio le aree segnalate, un aiuto prezioso per rispondere in modo ancora più incisivo alle misure di contenimento volute dal governo . Con le immagini catturate dal drone la polizia locale potrà intervenire in modo mirato, dirigendosi direttamente sui luoghi in cui si verificavano assembramenti”.

Ultimo aggiornamento: 15:24 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani