CORONAVIRUS

Farmacista morto per il Covid, il ricordo di Mastrangeli: «Un uomo eccezionale, sempre vicino alla sua comunità»

Martedì 26 Maggio 2020 di Vincenzo Caramadre
Covid-19: nessun nuovo caso positivo nella ultime 24 ore, ma c’è una vittima. La Ciociaria piange Paolo Ferraro 69 anni, titolare della farmacia di Villa Latina. E’ il primo farmacista vittima del Coronavirus in provincia di Frosinone.

Aveva contratto il Covid il 25 marzo scorso, quando, risultato positivo, era stato trasferito all’ospedale Spaziani di Frosinone. Ma poche ore dopo il complicato quadro clinico spinse i medici del capoluogo a trasferirlo allo Spallanzani di Roma. Ha lottato per due mesi contro la malattia, è rimasto attaccato a un respiratore, la famiglia, i tanti amici e la comunità della Valcomino hanno sperato fino all’ultimo che si riprendesse. Purtroppo nel primo pomeriggio di ieri c’è stato il triste epilogo: il suo cuore ha cessato di battere. Persona cordiale e professionista sempre disponibile.

Grande il cordoglio a Villa Latina, ma anche che ad Atina, dove il fratello Carlo gestisce la farmacia centrale. Incredulità e dolore tra i colleghi farmacisti della provincia di Frosinone.

«Paolo, che conoscevo da sempre, - ha dichiarato il dottor Riccardo Mastrangeli, presidente dell’ordine dei farmacisti - era un uomo di un’umanità eccezionale. Un uomo onesto, un bravissimo professionista pronto ad interessarsi sia dei problemi del singolo paziente che di tutta la sua comunità avendo come unica stella polare non il lucro ma il benessere del prossimo, quindi un carattere vibrante, con spirito di solidarietà. A nome di tutti i farmacisti della nostra provincia,  - ha aggiunto Mastrangeli - che avrebbero voluto onorarlo diversamente in questo suo ultimo viaggio, mi unisco al profondo dolore della moglie Marina, della figlia Maria Carolina, del fratello Carlo, delle nipoti Maria Sole e Mariangela, tutti colleghi farmacisti, ed di tutta la Sua famiglia».
  Ultimo aggiornamento: 16:54 © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani