Studentessa muore per assistere i genitori malati di Covid: laurea alla memoria a Cassino

In collegamento streaming dal Kazakistan, a seguire la cerimonia, c'erano il fratellino e gli zii

Studentessa muore per assistere i genitori malati di Covid: laurea alla memoria a Cassino
di Elena Pittiglio
2 Minuti di Lettura
Venerdì 3 Dicembre 2021, 08:50 - Ultimo aggiornamento: 09:46

Chissà quante volte ha sognato il giorno della sua laurea. Un traguardo che avrebbe voluto raggiungere al più presto, circondata dall'affetto dei suoi cari, dei compagni di studio e dei professori che avevano imparato  ad apprezzarla dal primo momento. Il Covid ha stroncato i suoi sogni. Un destino beffardo l'ha strappata alla vita prima di indossare la corona di alloro. Ieri, però, l'università di Cassino e del Lazio meridionale ha voluto conferire ad Altynay Rakhimova, 20 anni, di origine del Kazakistan, studentessa straniera, il titolo di dottoressa in Economics and business. Nell'Aula Magna del Campus Folcara c'erano tutti: il rettore Marco Dell'Isola, il sindaco di Cassino Enzo Salera, i docenti, gli studenti, l'amica del cuore di Altynay e il fidanzato.

In collegamento streaming dal Kazakistan, a seguire la cerimonia, c'erano il fratellino e gli zii. Altynay, la studentessa morta a causa del Covid, dopo il suo ritorno nel  Paese d'origine per accudire i genitori colpiti dal virus, è stata proclamata dottoressa dal rettore Dell'Isola e dal Consiglio di laurea in Economia e Commercio. Un riconoscimento post-mortem voluto dai docenti e dagli studenti, che hanno, così, premiato le qualità e la tenacia dimostrate dalla giovane nel percorso di studi, intrapreso a gennaio di quest'anno presso l'ateneo di Cassino. A tracciare il ricordo della studentessa scomparsa sono stati il fidanzato e l'amica del cuore.

«Il gesto di ricordare e conferire la laurea ad una ragazza che non è più tra noi vi fa onore» ha commentato il sindaco Salera, che ha aggiunto: «Un grazie ideale lo rivolgo alla giovane Altynay Rakhimova, all'università, a voi studenti stranieri, venuti da lontano per la vostra formazione professionale, integrandovi perfettamente nella nostra città». 
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA