Frosinone, commercialista picchiato da un cliente insoddisfatto: «Pago troppe tasse»

Il Pronto soccorso dell'ospedale "Spaziani" di Frosinone
di Marina Mingarelli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 5 Agosto 2021, 09:01 - Ultimo aggiornamento: 14:21

Commercialista preso a sprangate da un cliente che lo accusava di avergli fatto pagare troppe tasse. È successo ieri mattina in via Adige a Frosinone.

Il professionista - L.R. di 42 anni - si trovava nel suo ufficio quando ha citofonato il cliente. Intuendo dalla voce che questi, un agente di commercio di 45 anni, potesse creare problemi aveva deciso di affrontarlo fuori lo studio insieme al fratello, anche lui commercialista.

Davanti al portone del palazzo sono volati minacce ed insulti. Ma ad un certo punto il cliente ha impugnato una spranga di ferro che teneva nascosta dentro la giacca di jeans ed ha colpito con tutta la forza che aveva sulla testa di uno dei due fratelli che è caduto al suolo in un lago di sangue. Ad accorrere in aiuto del malcapitato un negoziante che vedendo la scena ha subito cercato di bloccare l'aggressore. Sul posto a sirene spiegate sono intervenuti i medici dell'ambulanza del 118 che hanno provveduto a prestare le prime cure al ferito ed a trasportarlo presso l'ospedale Spaziani.

I sanitari del Pronto soccorso, dopo avergli praticato alcuni punti di sutura, lo hanno sottoposto a tutti gli esami radiografici del caso proprio per escludere eventuali complicazioni. Fortunatamente le condizioni del commercialista non desterebbero preoccupazione. I dottori hanno stilato una prognosi di 15 giorni.

Intanto gli agenti della sezione Volanti agli ordini del dirigente Antonio Magno, intervenuti sul posto, hanno avviato le indagini per identificare l'aggressore che nel frattempo si era allontanato dal posto. E proprio a distanza di alcune ore sembra che il cliente violento sia stato identificato.

Sembra che l'agente di commercio fosse molto adirato perché a suo dire aveva pagato troppo nella denuncia dei redditi e lo studio di commercialisti a cui si era affidato avrebbe dovuto trovare degli escamotage per evitare che potesse pagare tutte quelle tasse.

In realtà l'uomo rispetto allo scorso anno aveva fatturato di più ed ecco che anche la cifra da pagare nella denuncia dei redditi era risultata maggiorata. Ma a detta del fratello del ferito che è stato raggiunto telefonicamente, si trattava di una modica somma, che l'uomo avrebbe potuto pagare tranquillamente. Invece ieri mattina per qualche centinaio di euro in più da pagare si è rischiata una tragedia.

L'uomo è stato denunciato per il reato di lesioni personali e per detenzione di arma atta ad offendere.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA