Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Gli altri commensali sono troppo rumorosi, la lite e poi le coltellate al ristorante: dentista a processo

Gli altri commensali sono troppo rumorosi, la lite e poi le coltellate al ristorante: dentista a processo
di Marina Mingarelli
2 Minuti di Lettura
Lunedì 15 Agosto 2022, 09:34 - Ultimo aggiornamento: 09:59

Accoltellamento in un ristorante di Torrice, odontoiatra romano di 55 anni finisce sotto processo per lesioni personali gravissime. I fatti risalgono ad agosto del 2020 quando il 55enne si trovava a cena in quel locale con alcuni amici. Al tavolo vicino si trovavano degli avventori che stavano festeggiando il compleanno di un nipote che diventava maggiorenne. Quei canti e quel vociare avevano infastidito il dottore il quale aveva chiesto di abbassare i toni.

Ma per tutta risposta il festeggiato insieme agli altri parenti avevano continuato a vivere la serata all'insegna dell'ilarità e del divertimento. E proprio a causa di questi futili motivi, il dentista aveva cominciato a discutere. Ma dalle parole grosse ben presto l'uomo era passato ai fatti. Con un apriscatolette che teneva nel suo portachiavi aveva colpito tre degli invitati dell'altra tavolata. Feriti gravemente, questi ultimi erano stati trasportati presso l'ospedale di Frosinone.

Uno dei feriti era stato sottoposto ad un delicato intervento chirurgico e i sanitari avevano dovuto praticargli 120 punti di sutura. Per gli altri due feriti i medici avevano stilato una prognosi di 20 e dieci giorni. L'odontoiatra, su suggerimento del proprio legale, dell'avvocato difensore Giampiero Vellucci, si era recato spontaneamente presso la caserma dei carabinieri dichiarando che aveva agito in quel modo soltanto per istinto di sopravvivenza. Quelle persone a suo dire volevano fargli veramente del male e se non si fosse difeso in quel modo a soccombere sarebbe stato proprio lui. Le tre persone ferite nell'aggressione che si sono costituite parte civile sono rappresentate dall'avvocato Roberto Capobianco. La prima udienza si terrà presso il tribunale di Frosinone il prossimo 12 dicembre.
 

© RIPRODUZIONE RISERVATA