Tre cinghiali positivi alla trichinella, focolaio in provincia: il parassita può essere trasmesso all'uomo

E' un parassita che colpisce i mammiferi, determina nell’uomo la “Trichinellosi”, malattia a trasmissione alimentare che può assumere anche una forma grave

Tre cinghiali positivi alla trichinella, individuato focolaio in provincia: il parassita può essere trasmesso all'uomo
3 Minuti di Lettura
Sabato 12 Novembre 2022, 15:32 - Ultimo aggiornamento: 14 Novembre, 15:37

Tre cinghiali selvatici, abbattuti a caccia nel corso della stagione venatoria 2022/23 appena iniziata, sono risultati positivi alla trichinella. I Servizi Veterinari di Ispezione degli Alimenti di Origine Animale della Asl di Frosinone hanno identificato, rintracciato ed eliminato dal circuito alimentare le carni di questi animali, che sono state destinate alla distruzione. Gli animali sono stati cacciati nella zona appenninica orientale della provincia. 

Cinghiale entra nel cortile di casa e sbrana 92enne davanti al figlio: all'uomo amputati braccio e gamba

Cos'è la trichinella

La trichinella è un parassita che colpisce i mammiferi, determina nell’uomo la “Trichinellosi”, malattia a trasmissione alimentare che può assumere anche una forma grave.

«I sintomi, inizialmente intestinali e/o allergici, - spiegano dalla Asl - dipendono dalla localizzazione del parassita all’interno dell’organismo umano in quanto le larve migrano nei muscoli ed organi di che le ingerisce. Sono portatori del parassita i suini selvatici (cinghiali) o i suini allevati allo stato brado (ciclo silvestre della malattia), e gli equini, soprattutto di importazione, le cui carni sono consumate non cotte sotto forma di carpaccio».

LA PREVENZIONE

L’attività di prevenzione messa in atto dai Servizi Veterinari della ASL di Frosinone (Ispezione Alimenti) con le associazioni territoriali di caccia (ATC FR1 e FR2), ha permesso nel tempo di garantire una rapida identificazione ed eliminazione dei soggetti a rischio. Nell’ultimo triennio  sono stati identificati in provincia 9 capi parassitati in 3 focolai, compreso quello attuale, localizzati nelle zone montane di confine che sono stati tutti eliminati dal circuito alimentare.

Tutti i cinghiali cacciati infatti devono essere sottoposti a controllo trichinoscopico perché l’identificazione degli infetti consente di interrompere la catena di trasmissione del parassita sia tra gli animali sia soprattutto dagli animali all’uomo. L’elusione di quest’obbligo espone il consumatore al contagio ed alle conseguenze della malattia, quindi l’ASL invita, per la sicurezza alimentare, tutti i cacciatori a rivolgersi al servizio veterinario per gli opportuni controlli. 

In particolare ci si può rivolgere alla unità di Igiene della produzione, trasformazione, commercializzazione, conservazione e trasporto degli alimenti di origine animale guidata dal Dott. Roberto PETRUCCI.

Frosinone – Via A. Fabi uoc.iaoa@aslfrosinone.it

© RIPRODUZIONE RISERVATA