CORONAVIRUS

La permanenza forzata
in casa vista dai bambini

Venerdì 3 Aprile 2020
Da Ceccano parte con l’associazione disciplinare Conscom, a sostegno delle associazioni “Ideando” e “Sulle orme di Alessandra Chiaretta”, la campagna “COLORAVIRUS”. Considerata la situazione attuale di forzata permanenza in casa di tanti bambini, difficile e problematica dal punto di vista psicologico a causa della chiusura delle scuole, Conscom ha voluto promuovere la campagna “COLORAVIRUS”, innanzitutto per dare risalto alla capacità espressiva ed alla realizzazione di un esercizio creativo dei bambini e poi con la chiara intenzione di sostenere questo progetto positivo. Un progetto che, quando tutto sarà ritornato alla normalità, ha l’ambizione di trasformarsi in una mostra ed in una festa che in Italia verrà chiesto alle istituzioni di organizzare in contemporanea e nello stesso giorno in diverse aree del paese. Il sociologo e consigliere dell’Ordine dei Giornalisti del Lazio, Maurizio Lozzi, referente per Conscom di questa iniziativa precisa che “la campagna COLORAVIRUS vuole sensibilizzare alla sconfitta del Covid-19 attraverso gli occhi dei bambini, dando vita ad un viaggio colorato fra le emozioni che solo loro riescono ad esprimere in modo sicuramente diverso da quello che ogni giorno i media diffondono”. Questo progetto condiviso con Domenico Rainisio, animatore delle altre due associazioni, durerà naturalmente sino a che tutto non sarà tornato alla normalità e prevede la partecipazione assolutamente gratuita di ogni bambino che potrà iscriversi via email all’indirizzo info@coloravirus.it. Ci tengono a precisare in Conscom che “tutti i partecipanti risulteranno, a fronte del loro impegno, comunque vincitori e riceveranno un attestato per essere stati parte di questa iniziativa di creatività”. Il regolamento e le modalità di partecipazione sono reperibili sul sito www.coloravirus.it © RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani