Omicidio Mollicone, oggi nuova udienza: il maresciallo Evangelista in aula

Omicidio Mollicone, oggi nuova udienza: il maresciallo Evangelista in aula
di Vincenzo Caramadre
3 Minuti di Lettura
Venerdì 8 Ottobre 2021, 08:06 - Ultimo aggiornamento: 11:00

Oggi, dinanzi alla Corte d'assise del Tribunale di Cassino, riprenderà il processo per il giallo di Arce. Si riparte, dopo l'udienza fiume di venerdì scorso, con la testimonianza del maresciallo Gaetano Evangelista, il sottufficiale che fece riaprire le indagini per la di Serena Mollicone, assassinata il primo giugno 2001 ad Arce.  

Alla scorsa udienza Evangelista, rispondendo alle domande dei pubblici ministeri Beatrice Siravo e Maria Carmen Fusco, ha ripercorso la genesi degli accertamenti posti in essere tra il 2006 e il 2008, dopo l'assoluzione del carrozziere Carmine Belli.

“Tutto cambiò dopo l'assoluzione di Belli. I rapporti all'interno della caserma s’incrinarono”, ha spiegato Evangelista.

Fu lui ad avere i primi sospetti sulla porta rotta trovata in un alloggio della caserma, fu lui a sospettare che, qualcosa legato all’omicidio di Serena, portava dritti alla caserma. Quella stessa caserma che era stato chiamato a comandare qualche anno dopo il trasferimento del maresciallo Franco Mottola, ora a processo assieme alla moglie e al figlio Marco per l’omicidio della studentessa, ma anche insieme all’ex luogotenente Vincenzo Quatrale e al carabiniere Francesco Suprano (risponde di favoreggiamento).  

Il maresciallo Evangelista ha anche parlato delle querele presentate, nei suoi confronti, da due sottoposti, Santino Tuzi e Francesco Suprano. 

“Con le indagini che stavo svolgendo ero diventato scomodo, il loro intento era di farmi trasferire. ma furono trasferiti loro”. 

Ripercorse in aula tutte le varie fasi, dalla prima informativa del febbraio 2007, fino a quella dell’autunno dello stesso anno, dove per la prima volta viene ipotizzato l’omicidio all’interno della caserma. 

Oggi sarà la volta del contro esame, ciò vuol dire che le difese degli imputati e gli avvocati di parte civile rivolgeranno domande al maresciallo Evangelista.   

Oggi saranno ascoltati anche altri due carabinieri, il tenente colonnello Luigi Saravo (che dovrà riferire sugli accertamenti tecnici svolti dal Ris di Roma nel 2008 presso la stazione carabinieri di Arce e sugli accertamenti svolti sull’auto di Santino Tuzi) e il maggiore Pietro Caprio il quale sarà escusso sull’audizione di Santino Tuzi del 28 marzo 2008.

Ci sarà, dunque, ampio approfondimento sulle dichiarazioni del brigadiere Tuzi il quale, sette anni dopo l'omicidio, proprio nel 2008, disse ai pm di aver visto entrare, la mattina del primo giugno 2001, Serena nella caserma dove era di piantone. 

© RIPRODUZIONE RISERVATA