Cassino, pugni e bastonate in via Garigliano: due feriti. Indagini dei carabinieri

Cassino, pugni e bastonate in via Garigliano: due feriti. Indagini dei carabinieri
2 Minuti di Lettura
Martedì 9 Febbraio 2021, 08:35 - Ultimo aggiornamento: 08:54

Brutale aggressione a calci, pugni e bastonate mentre rincasano: indagano i carabinieri. L’inquietante episodio di violenza è avvenuto nella tarda serata di domenica a Cassino, dove due persone, tra i 25 e 30 anni, sono rimaste ferite. Ignote, per ora, le cause dell’aggressione.

I fatti. Stando alla prima ricostruzione eseguita dai carabinieri, intorno alla 21.30 di domenica due uomini di Cassino stavano transitando lungo via Garigliano, per rincasare, quando sono stati aggrediti alle spalle da una o più persone, con calci, pugni e pare anche con un bastone. Minuti degni della scena del film “Arancia Meccanica”, la nota pellicola degli anni 70 prodotta e diretta da Stanley Kubrick.

Una decina di minuti di parapiglia generale, urla e parole forti che, in poco tempo, hanno attirato l’attenzione dei condomini delle vicine case Ater. Sono state avvertite le forze dell’ordine e, sul posto, si sono dirette le pattuglie dei carabinieri, ma anche la polizia e la guardia di finanza.

Una volta giunti sul posto le forze dell’ordine hanno trovato le due persone a terra, ma degli aggressori nessuna traccia, con ogni probabilità sono scappati pochi istanti prima della dell’arrivo delle pattuglie delle forze dell’ordine.

E’ stato allertato anche il 118 e, poco dopo, un’ambulanza ha soccorso i feriti, trasportati al vicino ospedale Santa Scolastica, sono stati medicati. Uno ha riportato ferite lievi, giudicate guaribili in cinque giorni, all’altro sono stati attribuiti una ventina di giorni di prognosi perché ha avuto una ferita all’altezza dell’occhio ed è stato trattenuto in osservazione. Resta il mistero sulla serata di follia in via Garigliano.

Per ora, infatti, sono ignoti le cause dell’aggressione, ma anche l’identità degli autori, per questo i carabinieri di Cassino, diretti dal capitano Giuseppe Scolaro, hanno avviato una serie di accertamenti.

© RIPRODUZIONE RISERVATA