Frosinone nella morsa del caldo, raggiunti i 43 gradi. Boom di ingressi in piscina

Frosinone nella morsa del caldo, raggiunti i 43 gradi. Boom di ingressi in piscina
di Matteo Ferazzoli
3 Minuti di Lettura
Giovedì 12 Agosto 2021, 08:55 - Ultimo aggiornamento: 13:08

Il peggio, stando alle previsioni, non è ancora arrivato ma già ieri le temperature roventi si sono fatte sentire a Frosinone. Il capoluogo rientra tra le 10 città italiane con il bollino rosso, il livello più alto di allerta per le ondate di calore. Che dovrebbero raggiungere il picco nella giornata di domani. Ieri alle 16:30 circa, il tabellone del Comune di Frosinone, davanti al parco Matusa, segnava 47 gradi.

Una temperatura leggermente più alta rispetto a quella reale perché rilevata dalla stazione meteo che si trova sul tetto del palazzo comunale di piazza VI Dicembre, quindi leggermente più esposta. Ieri comunque sono stati toccati i 43 gradi, forse record destinato a superare quello del 2017 (41°). E a quell'ora, intorno alle 16, la città era semi-deserta, complice anche le partenze per i luoghi di villeggiatura. Al Parco Matusa non c'era nessuno o quasi.

I giovani "irriducibili" del parco Matusa

Un gruppo di coraggiosi era riunito sotto l'ombra della tribuna centrale dell'indimenticato stadio comunale.
«Noi siamo il clan del Matusa per questo siamo qui spiega, ridendo, il gruppo di adolescenti che, alla faccia del caldo torrido, si è comunque ritrovato nell'ex stadio- A parte gli scherzi è vero che fa caldissimo. Ma noi veniamo qui ogni pomeriggio. Ci piace perché è il nostro punto di ritrovo, quindi, nonostante il caldo, preferiamo venire sui gradoni della tribuna perché almeno stiamo insieme».

Due del gruppo, poi, aggiungono: «In realtà, non ci spaventa esser qui seduti in tribuna. Con questo vento si sta anche bene. La vera sfida, ora, è per noi 2 che dobbiamo salire a piedi fino a Frosinone alta».

In via Aldo Moro poche auto, marciapiedi deserti. Solo qualcuno che si era rifugiato all'ombra dei bar. Stessa situazione, poi, in Corso della Repubblica.

Alla Villa Comunale, invece, sempre verso le 17, l'area giochi era deserta e, la stragrande maggioranza delle panchine era vuota, così come pochissimi erano i cittadini a passeggio.

La piscina ex Enale fa il pienone

Sono stati moltissimi, invece, i frusinati che si sono rifugiati dal caldo sfruttando la piscina comunale Wesport, l'ex Enal, il mare di Frosinone. «In questa settimana - spiega Daniele Sistopaoli di Trascoop, che fa parte della società NuovEnal, concessionaria dell'impianto - gli ingressi si sono raddoppiati rispetto a quelli della settimana scorsa». Questo, quindi, sia per il forte caldo ma anche per le ferie di agosto.

«Più o meno abbiamo circa 100 ingressi al giorno. Oggi (ieri per chi legge,nda) in mattinata non è venuta tantissima gente, visto anche il tempo un po' incerto. Ma poi abbiamo avuto il boom dopo pranzo. Tra l'altro-  conclude - abbiamo già qualche prenotazione per i prossimi giorni».

Per accedere alla piscina non è obbligatorio prenotare ma è comunque consigliato.

© RIPRODUZIONE RISERVATA