Il bracciale "salvavita" degli studenti del liceo di Ceccano al secondo posto del concorso di Samsung

Venerdì 12 Giugno 2020

Gli studenti della 4H del liceo scientifico di Ceccano, Luca Cristofanilli, Paolo Maria Geralico, Francesco Maura e Simone Maura, guadagnano il secondo posto nella finale tanto attesa della sfida Hackathon del Concorso nazionale “Lets app Solve for tomorrow 2020 edition” indetto dalla Samsung – in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione, ricevendo un premio consistente in una fornitura di device Samsung.

La sfida, a distanza, si è svolta il 4 giugno. Gli studenti ciociari hanno presentato il progetto ArmillaR, un bracciale contenente un tag NFC in grado di memorizzare informazioni mediche e storia clinica dei pazienti, posizione dell’abitazione, numero di telefono e contatti di emergenza.

LEGGI ANCHE ---> Creativi e ipertecnologici, gli studenti del liceo che risolvono i problemi

I ragazzi in questa sfida conclusiva si sono misurati con nuove abilità, soprattutto comunicative nel public speaking e creative nel costruire uno storytelling ben definito e di impatto per valorizzare il loro progetto. Infatti è stato chiesto loro con un esercizio di social media management di ideare anche una campagna di lancio del proprio prototipo sui canali social e pensata per il grande pubblico.

La giuria composta da team manager ed esperti Samsung nella formulazione del verdetto finale ha apprezzato la forza innovativa del braccialetto ArmillaR e la spiccata capacità comunicativa del lavoro di presentazione sia nel video che nel formato PowerPoint.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani