CORONAVIRUS

Sora, il Comune dona le biciclette a dieci dipendenti per andare al lavoro

Mercoledì 8 Luglio 2020 di Roberta Pugliesi
La mappa della pista ciclabile di Sora

Il sindaco di Sora Roberto De Donatis ama la bicicletta, circola in bicicletta ed ha puntato il suo mandato amministrativo sulla mobilità sostenibile.

Già all’epoca dell’amministrazione Casinelli, quando divenne assessore ai Lavori Pubblici, De Donatis parlava della necessità di ridisegnare la città a misura di bici. Per ora non c’è ancora riuscito e non si sa se il progetto di realizzare la pista ciclabile vedrà mai la luce, ma intanto per avvantaggiarsi decide di mettere a disposizione 10 biciclette in comodato d’uso gratuito ai dipendenti comunali residenti nel raggio di 6 km dalla propria sede lavorativa.

Non è dato sapere come sia stata accolta l’iniziativa dai dipendenti comunali. Ma senza dubbio per chi vive nel centro urbano può essere un valido mezzo di spostamento, economico e poco faticoso considerata la natura pianeggiante del territorio. I mezzi potranno essere utilizzati dal personale per gli spostamenti casa-lavoro. Il sindaco non è né ottimista né pessimista ed ha considerato tutte le possibilità.

Ha infatti messo in conto la possibilità che le domande pervenute possano addirittura essere superiori alla disponibilità. In tal caso ci si affiderà alla fortuna e come nelle più avvincenti tombolate natalizie si procederà ad estrazione fra i richiedenti. In caso invece di un minore numero di richieste, una parte delle biciclette potrà essere utilizzata dai dipendenti per gli spostamenti di servizio previsti all’interno dell’area urbana ed extraurbana entro un raggio di Km 6 e la quota rimanente assegnata ai lavoratori rientrati nei progetti sociali dell’Ente per garantire il percorso casa-lavoro e gli spostamenti di servizio sempre entro un raggio di 6 chilometri.

«L’iniziativa che abbiamo adottato è volta a rafforzare ed integrare le azioni di mobilità sostenibile, già adottate dal Comune, per ridurre l’inquinamento atmosferico e la congestione derivante dal traffico, nonché diffondere l’utilizzo di mezzi di trasporto ad impatto ambientale “zero”. Continuiamo a lavorare al raggiungimento degli obiettivi posti dall’Unione Europea riguardo il contenimento delle emissioni in atmosfera e la riduzione dei costi sociali legati agli elevati tempi di percorrenza anche nel caso di brevi distanze» dichiara il sindaco Roberto De Donatis.

Per quanto riguarda invece la pista ciclabile - che attraverserà Sora dal quartiere di Pontrinio fino a Tofaro fino al parco di San Domenico per un percorso di sei chilometri è da realizzarsi attraverso un finanziamento ottenuto dal CONI - lo scorso mese di gennaio i lavori vennero affidati con il via alla sottoscrizione del contratto con l’impresa.

La pandemia ha interrotto la fase operativa e attualmente non è ancora certo quando riprenderà. Sono previsti ben cinque impianti fotovoltaici con relative pensiline per bici e l’installazione e la sostituzione delle lampade esistenti con i moderni e più funzionali led: questa tecnologia permetterà di fruire di una migliore qualità di illuminazione, poichè sarà possibile generare qualsiasi colore desiderato mediante il dosaggio delle tre fonti primarie di colore di ed effetti cromatici di notevole impatto visivo.

Nello specifico, il tracciato ciclabile di circa 6  Km, con una pavimentazione drenante, sarà arricchito e reso funzionale con: cordonatura a separazione della carreggiata ciclabile da quella riservata alle macchine; arredo urbano (cestino rifiuti, portabiciclette, panchine, colonnine attrezzate); Installazione di semaforo per velocipedi; impianto di videosorveglianza.

 

© RIPRODUZIONE RISERVATA