Avvocato pestato per un debito di 15mila euro, due arresti

Giovedì 5 Dicembre 2019
Avvocato pestato per un debito di 15mila euro, due arresti

Pestaggio di un avvocato per un credito da 15 mila euro: due arresti.  Si tratta di Rossano Paolo Capone 54enne di Cassino e il figlio 25enne, il primo è finito in carcere, l’altro ai domiciliari. I due, a vario titolo, devono rispondere di tentata estorsione aggravata, rapina e lesioni personali, nei confronti di un 68enne avvocato sempre residente nella Città Martine. 

I fatti risalgono  al 6 agosto scorso, quando l’avvocato di Cassino, creditore personale dei due, era in attesa dell’Ufficiale Giudiziario, con il quale aveva concordato di eseguire il pignoramento di beni per un credito di 15 mila euro. Ma il 54enne, debitore, lo avrebbe colpito con un pugno alla tempia sinistra strappandogli il cellulare dalle  mani. Il 68enne, per evitare la distruzione del telefono, sarebbe stato poi violentemente malmenato sia dal 54enne, sia dal figlio 25enne. Il 68enne trasportato all’ospedale "Santa Scolastica" di Cassino, gli fu attribuita una prognosi di 26 giorni.  

Le indagini dei carabinieri diretti dal capitano Ivan Mastromanno, in questi mesi hanno ricostruito i fatti e identificato, grazie anche ad alcune testimonianze, i due presunti aggressori. Per questo la Procura della Repubblica concordando con l’ipotesi investigativa dei carabinieri ha chiesto e ottenuto due misure cautelari. All’alba di ieri il 54enne è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Cassino mentre il figlio 25enne è stato posto in regime di arresti domiciliari. 

I due sono difesi dallo studio Ranaldi.  

© RIPRODUZIONE RISERVATA