Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Consegnati a Pico sette alloggi Ater tolti a chi non ne aveva più diritto

Consegnati a Pico sette alloggi Ater tolti a chi non ne aveva più diritto
2 Minuti di Lettura
Giovedì 30 Giugno 2022, 18:15

Sono state consegnate le chiavi di sette nuovi appartamenti Ater a Pico, in via Civita Farnese. Si tratta di alloggi inseriti in due palazzine, completamente ristrutturate con fondi regionali. Un nuovo immediato intervento dell’azienda regionale, dopo la recente consegna di alloggi nel comune di Ferentino, che segna un deciso cambio di passo del consiglio d'amministrazione dell'Ater, presieduto da Andrea Iannarilli e che annovera Barbara Caparrelli nel ruolo di vicepresidente e Leonida Zaccari nel consiglio di amministrazione.

Le abitazioni sono state assegnate agli aventi diritto dopo lo scorrimento delle graduatorie e, di fatto, sottratte a chi non era più in possesso dei requisiti necessari: anche sotto questo punto di vista, si tratta di una decisa volontà di cambiamento voluta dal nuovo Consiglio di amministrazione dell'azienda territoriale per l'edilizia residenziale.

 
«È stato davvero emozionante varcare la soglia degli alloggi in compagnia degli assegnatari - ha dichiarato la vicepresidente Caparrelli, presente alla consegna degli alloggi in rappresentanza dell’intero Cda -. Siamo ovviamente molto soddisfatti, perché oggi si raggiunge un nuovo importante risultato a beneficio di tante famiglie di Pico. Come azienda abbiamo l’obiettivo di invertire la rotta per rispondere velocemente alle esigenze delle nostre comunità, con efficacia ed efficienza. Ricordiamo che, come nel caso odierno, si tratta di alloggi sociali dei quali si occupa direttamente l’Ater: in questa occasione c’erano case assegnate a persone non aventi diritto o, addirittura, utilizzate come seconda abitazione. Una stortura che vogliamo assolutamente debellare, a Pico come in tutto il territorio, per venire incontro alle necessità di chi ha veramente bisogno»

© RIPRODUZIONE RISERVATA