CORONAVIRUS

"Ruba" 8mila euro dal conto corrente di una donna, giovane di Anagni arrestato per frode informatica

Venerdì 3 Luglio 2020

Si appropria dell'identità digitale di una donna e le "ruba" 8mila euro dal conto, ma i carabinieri lo fermano mentre stava andando a ritirare i soldi in banca.

Si è conclusa con un arresto la frode informatica messa in anno da un 21enne di Anagni. Il giovane  aveva pensato bene di sostituirsi ad una ignara 32enne originaria di Roma: utilizzando l’identità digitale della donna, senza alcun titolo, ha predisposto fraudolentemente un bonifico bancario istantaneo di circa 8.000 euro da accreditarsi sul proprio conto corrente acceso da pochi giorni presso un Istituto bancario della zona

L'operazione però ha insospettito il direttore di banca, grazie anche alla campagna di sensibilizzazione messa in atto dai carabinieri durante l'emergenza covid per mettere in guardia contro le crescenti frodi informatiche.
Il responsabile dell'istituto di credito quindi ha informato i militari dell'Arma che hanno predispoto  un servizio di appostamento che ha dato i suoi frutti.  

Il giovane anagnino, controllando da remoto la movimentazione in suo favore della citata somma di denaro, nella giornata di ieri poco prima dell’orario di chiusura, si è presentato tranquillamente in Banca presso lo sportello per riscuotere il maltolto. A quel punto sono intervenuti i carabinieri del Nucleo Radiomobile, lasciando incredulo il giovane che ormai credeva di averla fatta franca, non arrivando a pensare di poter essere stato scoperto.

L'uomo è stato bloccato nella flagranza di reato ed assicurato alla giustizia, mentre il telefono cellulare ed il tablet utilizzati dallo stesso per il falso bonifico venivano sottoposti a sequestro.   

Ultimo aggiornamento: 17:56 © RIPRODUZIONE RISERVATA