Sir Antonio Pappano: «Maestro significa anche insegnante»

Dal 2002 è il direttore principale del Covent Garden di Londra. Dal 2005 dirige anche l’Orchestra romana di Santa Cecilia. Antonio Pappano, italo-britannico (nato in Inghilterra da genitori italiani emigrati), 59 anni, baronetto, è costante anche nell’abbigliamento (camicia scura alla coreana) e nell’acconciatura dei capelli, mai troppo corti. «Un rapporto», spiega il maestro, «ha bisogno di tempo per andare aldilà delle prime esperienze. Per costruire servono lealtà e continuità. Ma anche fughe. Ora sento il bisogno di riaprirmi al mondo. Voglio incontrare altre orchestre. Dal Covent Garden prenderò un anno sabbatico, per dedicarmi anche ai giovani. Maestro, significa anche insegnante».

Fino a domenica 28 aprile, è sul podio dell’Accademia al Parco della Musica per dirigere l’Ottava Sinfonia di Bruckner («Una cattedrale») e dal 13 maggio sarà di nuovo in tournée con l’orchestra di Santa Cecilia: sei città (Vienna, Praga, Dresda, Fliburgo, Essen, Londra), otto concerti («due programmi impegnativi»).

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani