Opera contemporanea e musical: il mondo in scena a Spoleto

Per l’inaugurazione del Festival di Spoleto, musica contemporanea, “Proserpine”, opera inedita di Silvia Colasanti, seconda parte di una trilogia e di una collaborazione tra la compositrice romana e Giorgio Ferrara, direttore dei 2Mondi e anche regista di questo spettacolo con versi di Mary Shelley, scene di Chia.

Per chiudere Daniele Gatti, protagonista del concerto in piazza, insieme con l’Orchestra del Teatro dell’Opera: un finale nel nome di Verdi dal repertorio francese.
E nel frattempo (tra il 28 giugno e il 14 luglio), danza (Hans Van Manen, l’Ecole-Atelier Rudra di Bejart, un progetto Bauhaus), eventi (Lucinda Childs in duetto con Adriana Asti), una diva intramontabile (Marisa Berenson che canta per la prima volta in un cabaret) e una diva dei nostri giorni (Eva Riccobono diretta dalla Shammah), jazz (Bollani con Hamilton de Hollanda, Capossela), teatro (Emma Dante con Esodo ambientato in campi Rom) e un musical dalle Folies Bergère: Fashion Freak Show, firmato da Jean Paul Gaultier, con canzoni di Madonna e Kylie Minogue. Gli incontri con Augias e Mieli, i concerti di Mezzogiorno, della Sera, e decine di altri appuntamenti


LE VOCI DEL MESSAGGERO

La nuova frontiera del golf: imbucare tirando con i piedi

di Mimmo Ferretti