Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Da San Simone alla Chiesa di Sant’Eufemia, il festival di Spoleto celebra Dante

foto

Da giovedì 8 a domenica 11 luglio, da San Simone alla Chiesa di Sant’Eufemia, il Festival dei Due Mondi dedica a Dante Alighieri quattro giorni di letture, teatro, musica e approfondimenti per celebrare i settecento anni dalla scomparsa del sommo poeta. Il progetto s’inaugura giovedì 8 luglio alle ore 19 a San Simone, con lo spettacolo Divina Commedia: la prima giornata di Piero Maccarinelli, in scena fino al 10 luglio per quattro recite (venerdì 9 luglio alle ore 16 e alle ore 21.30, sabato 10 luglio alle ore 16). Con Fausto Cabra, Massimo De Francovich, Luca Lazzareschi e Manuela Mandracchia che vestono gli abiti realizzati da Giorgio Armani. Venerdì 9 luglio, per il concerto di mezzogiorno alla Chiesa di Sant’Eufemia, l’Ensemble Micrologus esegue le musiche del XIII secolo. Nel pomeriggio, alle ore 15 in diretta streaming dalla Sala dei Vescovi, è in programma il convegno di studi I vapori del cuore: Dante e la Musica, organizzato dall’Accademia Nazionale di Santa Cecilia con la curatela scientifica del Professor Agostino Ziino. Domenica 11 luglio alle ore 15, sempre a San Simone, l’Opera-film di Lucia Ronchetti Inferno ripercorre la prima cantica della Commedia in una nuova produzione di teatro musicale scritta dalla compositrice italiana su commissione dell’Oper und Schauspiel Frankfurt. Completa la proposta la mostra Dante nelle terre del Ducato a Palazzo Mauri (ore 9-13, ore 16-19) e alla Sezione Archivio di Stato di Spoleto (venerdì ore 15-17, sabato e domenica ore 17-20) fino all’11 luglio, che racconta i legami tra il poeta e l’antico Ducato di Spoleto.