Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Velletri, commemorazione del poliziotto ucciso alla questura di Trieste: donato un quadro alla famiglia (foto Sciurba)

foto
Velletri, partecipata commemorazione ieri pomeriggio alla cattedrale di San Clemente, per ricordare Matteo Demenego, il poliziotto veliterno 31enne, ucciso a Trieste da un 28enne di origine domenicana, a colpi di pistola, lo scorso anno, il 4 ottobre, all'interno della questura di Trieste. Lo straniero era stato fermato in centro dai due agenti di servizio di volante (rimase ucciso anche il collega Pierluigi Rotta) della questura di Trieste per rapina . Sono intervenuti, ieri in cattedrale, il ministro dello sviluppo economico Stefano Patuanelli, il questore di Roma Carmine Esposito, il dirigente del commissariato di Polizia di Velletri Luca De Bellis, il suo vice, Paolo Colasanti e molti altri colleghi e amici.  Tutti si sono stretti intorno al dolore della famiglia Demenego, al padre Fabio, alla mamma Monica, al fratello Gianluca, alla fidanzata Valentina. Al termine della commemorazione, celebrata dal vescovo monsignor Vincenzo Apicella, è stato donato alla famiglia di Matteo Demenego, un quadro mosaico, dedicato al poliziotto ucciso in servizio. Realizzato dall'artista Nunzio Monticelli Cuggiò, commissionatogli dagli agenti e dal dirigente del commissariato di polizia veliterno che con questo bel gesto hanno voluto ricordare affettuosamente il loro collega scomparso in maniera così tragica e prematura durante l'adempimento del suo dovere .