Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Roma, migliaia di ristoratori, in piazza Montecitorio per chiedere di tornare a lavorare

foto

Roma, in migliaia stanno manifestando davanti a Montecitorio, tutti gestori del comparto ricettivo ed enogastronomico, titolari delle tipiche fraschette di Ariccia, delle trattorie, ristoranti dei Castelli Romani, di Roma e provincia e anche da altre parti della regione Lazio e d'Italia. Al grido di "Vogliamo Lavorare o Moriremo di Fame " con striscioni, megafoni e cartelli, chiedono di poter tornare ad aprire i loro locali dopo oltre un Anno di chiusure continue in zona rossa e arancione. Aderiscono alla protesta di piazza anche molte associazioni di categoria come il Mio (Movimento Italiano Ospitalità) e l'Afa (Associazione Fraschette Ariccia), domani in tanti per far sentire il loro grido di disperazione apriranno anche le loro attività . "Ormai siamo allo stremo delle forze, noi, le nostre famiglie, i nostri lavoranti, a breve non avremo nemmeno un'euro in tasca, saremo costretti a chiudere per sempre e mandare a casa migliaia di lavoratori ", ha detto uno dei rappresentanti dei ristoratori e dei fraschettari . Anche l'onorevole Vittorio Sgarbi, è sceso in strada dal Parlamento e sta manifestando con la grande folla in piazza Montecitorio. A centinaia sono partiti con pullman rganizzati per raggiungere la sede del Governo e protestare contro i continui lockdown che li costringono a chiudere le serrande.  

Foto Luciano Sciurba