Ragazzi approcciano 40enne in spiaggia a Ostia, lei li interroga su Manzoni: «Pensano solo ai muscoli, devono allenare il cervello»

foto

È l’eterna diatriba: uomini con i muscoli scolpiti e fascino irresistibile oppure partner più esili, ma colti? Una risposta certa, all’intramontabile dilemma, non esiste. Molto, sicuramente, dipende dai gusti e dalle esigenze - in questo caso - femminili. Per diverse donne, l’addominale d’acciaio non è indubbiamente l’elemento cardine. È necessario essere accompagnati soprattutto da un grado elevato di preparazione. I secchioni, in sostanza, sembrano avere la meglio. Lo sanno bene due giovani ragazzi che, qualche giorno fa, in una spiaggia sul litorale romano hanno tentato di attirare l’attenzione di una donna sfoggiando i loro corpi “ben curati” e “palestrati”. Il “classico” rito culminato, però, con un bel due di picche. 

Una domenica ottobrina baciata dai caldi ( e anomali) raggi di sole. Lei, bionda 40enne, è sdraiata sul lettino in uno stabilimento balneare a Ostia.

Un momento di relax “interrotto” dall’arrivo di due trentenni baldanzosi che tentano di tutto pur di essere notati: muscoli ben in vista e tartaruga addominale perfetta. La partenza sembra quella giusta. Cinque minuti di conversazione e le prime battute iniziali sono bastati a far trasformare la donna in una professoressa severa ( come la Signorina Rottenmeier nel celebre film “Heidi, ndr) tanto da tartassare i due giovanotti con domande tipiche di una interrogazione di cultura generale. «Sapete chi sono Fedez e la Ferragni?», chiede la donna “salita in cattedra”, ma con costume e pareo. I due allievi rispondono correttamente. Ma i quiz non sono finiti qui. «Sapete chi sono Toscanelli e Lutazio Catulo? E chi ha scritto i Promessi Sposi?». Silenzio assordante. La Prof. - ribattezzata “signora” dai due sfortunati studenti - emette il suo voto: «Magari dovreste dedicare meno tempo ad allenare i bicipiti e un po' più di tempo ad allenare quel muscolo che divide le orecchie. Lo vedo abbastanza atrofizzato», sentenzia. 

L’episodio è stato raccontato dalla stessa donna su un gruppo social. E non sono tardati ad arrivare attestati di stima: «Bravissima, troppi giovani ignorano la cultura. Mi domando, la scuola che fa?», scrive una donna. Ma c’è anche chi ha condannato il rigore della quarantenne: «Quindi non ho capito, per approcciare bisogna prepararsi su Manzoni, Toscanelli e Catulo?». E chi è pronto a difendere l’ingenuità di quei due ragazzi e rimarcare che, in fondo, sono stati educati: «Lei invece perché sta a sindacare sul livello culturale di due ragazzi che l’hanno educatamente avvicinata?», sottolinea una signora. Il tentativo di rimorchio è, dunque, fallito. I due sono stati respinti. E sono andati via senza nemmeno salutare. Una seconda possibilità, però, è concessa a tutti.