Pomezia e Torvaianica, "Natale d'Amore" con le proiezioni luminose degli alberi

Con l’accensione dell’albero in piazza Indipendenza ieri sera, si sono aperti  ufficialmente i festeggiamenti e le iniziative natalizie che andranno avanti fino al 6 gennaio nel comune di Pomezia. Il centro cittadino prende vita e si accende di colori grazie alle proiezioni luminose  “Natale d’Amore” e all’albero scultura denominato “Frammenti di un tutto d’amore” realizzato dall'azienda Slamp in collaborazione con Clax Italia. Centinaia i cittadini che hanno partecipato, ieri sera, al momento più atteso della giornata: l’accensione dell’albero. Un’opera unica nel suo genere, alta oltre 10 metri, dal design innovativo ispirato alla forma piramidale che acquisiscono le stalagmiti.

Naso all’insù anche a piazza Ungheria, alle 19, dove c'è stata l’accensione dell’opera luminosa gemella. A rendere ancora più speciale il momento dell'inaugurazione a Torvaianica la presenza del vescovo della Diocesi di Albano, monsignor Marcello Semeraro, per la benedizione dell'opera. “Il nostro Natale d’Amore è una festività inclusiva, che abbraccia tutti – hanno  spiegato il sindaco Adriano Zuccalà e la vice Simona Morcellini – in cui il calore e la bellezza si coniugano alla perfezione”.

Oltre 60 eventi tra spettacoli, concerti e laboratori accompagneranno i cittadini e i visitatori dall’8 dicembre al 6 gennaio. In piazza anche la pista di ghiaccio, laboratori, giostre per bambini e mercatino dell’artigianato a Pomezia, dove le luminarie abbracceranno le vie del centro e le proiezioni artistiche illumineranno il palazzo comunale, il palazzo della Polizia locale e la torre civica. A Torvaianica le installazioni luminose attraverseranno tutto il centro arricchendo la piazza con proiezioni artistiche sulla facciata della parrocchia Beata Vergine Immacolata, quest'anno si illumineranno anche i giardini di piazza Italia, trasformati in un parco incantato, che allieteranno grandi e piccini .

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Iscrizione a scuola, la regola aurea per decidere senza discutere

di Pietro Piovani