Liberato Pitbull tenuto segregato in cantina tra i suoi escrementi: denunciata la proprietaria

La Polizia Locale, insieme ai veterinari della Asl Roma 6 hanno liberato un cane adulto, di razza pitbull, che viveva in condizioni degradanti a Velletri. L'animale viveva in una cantina stretta e angusta con una sola finestra da dove entrava un po' di aria e luce. È stato liberato nel weekend appena trascorso in via XXIV maggio, nel centro della cittadina dei Castelli.  È stato ora affidato al canile municipale dove sarà curato dai volontari in attesa di un affidamento . Era già stato fatto un primo intervento dalla Polizia Locale e dai veterinari della Asl a giugno perché alcuni residenti della zona avevano segnalato il cane legato ad una catena sul terrazzo del palazzo sotto il sole e con poco spazio. Lì era stato preso in cura e microchippato dai veterinari della Asl ed affidato ad una signora di mezza età, familiare del ragazzo che lo teneva senza iscrizione all'anagrafe canina.

A distanza di due mesi è arrivata una nuova segnalazione da parte dei residenti che avevano notato il cane che si lamentava nello scantinato angusto e pieno di escrementi dove viveva in condizioni disumane. Lo scorso week end il blitz degli agenti con i veterinari e i vigili del fuoco che hanno aperto la porta chiusa con il lucchetto. È stata convocata la proprietaria, una donna di mezza età, che abita nei pressi, che è stata denunciata per maltrattamento di animali . Foto Luciano Sciurba

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La doppia vita dei prof? Basta andare sui social

di Raffaella Troili