Discariche, preservativi e siringhe: viaggio nel cimitero di Prima Porta

Siringhe e profilattici, erba alta e incolta, escrementi tra le bare, furti sempre più frequenti, scalini e cornicioni pericolanti. Questa è soltanto una parte dello scenario che quotidianamente si presenta agli occhi dei cittadini che vanno a far visita ai propri cari. Uno scenario da film dell’orrore che non risparmia nessuno dei 140 ettari del cimitero Flaminio, a Prima Porta, - nato da un progetto dell’architetto Elena Luzzatto, consacrato nel 1941 e considerato capolavoro di architettura cimiteriale contemporanea -, confermando quanto incuria e abbandono siano epidemie difficili da debellare. 

Leggi l'articolo

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani