Castel Gandolfo, cittadinanza onoraria alla principessa Elettra Marconi a 80 anni dalla scomparsa del padre Guglielmo

Grande festa a Castel Gandolfo per il conferimento della cittadinanza onoraria alla principessa Elettra Marconi, figlia 89enne di Guglielmo Marconi, a 80 anni dalla morte dello scienziato premio Nobel, inventore della radio e presidente del Cnr. Che proprio dai Castelli Romani, grazie alle antenne di Rocca di Papa e alle strutture del Palazzo Pontificio di piazza della Libertà di Castel Gandolfo, fece partire nel 1931 le prime trasmissioni aprendo la prima stazione radio che portava il nome di Stazione Radio Vaticana. Accompagnata dal figlio Guglielmo Giovannelli Marconi e dalla nuora Vittoria, la signora Elettra è stata accolta fra gli applausi nel Palazzo Pontificio dalla sindaca Milvia Monachesi e dal cardinale Giuseppe Bertello, presidente del Governatorato dello Stato Vaticano. Presenti tutte le autorità religiose, civili e militari della cittadina papale, il direttore delle Ville Pontificie Andrea Tamburelli e il presidente dell'Associazione Radioamatori A.Ra.C Fausto D'angelo, che insieme all'esperto in radiocomunicazioni Livio Spinelli, del Parco della Scienza "G.Marconi" di Santa Marinella, hanno ricordato le imprese storiche di Guglielmo Marconi, proprio nel Palazzo Pontificio, sostenuto da Papa Pio XI che battezzò anche la stessa Elettra. (Foto Luciano Sciurba)

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Roma deserta, i controlli e la storia di Marta abbandonata in strada dai vigili (come in una favola)

di Pietro Piovani