Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Ucraina, Guterres visita Odessa: «Ogni nave che parte è simbolo di speranza»

foto

«È un simbolo di speranza ogni nave che parte» dai porti dell'Ucraina. «Speranza per gli agricoltori ucraini, finalmente premiati per il loro lavoro», ma anche «speranza per i marinai, che sanno di poter navigare nel Mar Nero in modo sicuro ed efficace. E, soprattutto, speranza per le persone e i paesi più vulnerabili del mondo». Lo ha affermato il Segretario generale delle Nazioni Unite Antonio Guterres parlando dal porto di Odessa.

 

«È molto emozionante per me essere qui oggi a Odessa e vedere il grano caricato su una nave», ha detto Guterres, esprimendo allo stesso tempo tristezza nel «vedere questo magnifico porto e i suoi terminal praticamente vuoti». L'auspicio è quello di tornare «presto» al porto di Odessa «e vedere un porto vivace e attivo, con tutti i terminal in piena attività». Guterres ha quindi affermato che è particolarmente importante essere in questo porto ucraino in occasione della Giornata mondiale degli aiuti umanitari e si è rammaricato per la chiusura del terminal di Odessa per mesi a causa della guerra lanciata dalla Russia contro l'Ucraina. Grazie agli sforzi diplomatici dell'Onu e della Turchia, la situazione è cambiata con «un accordo senza precedenti», ha aggiunto. «In meno di un mese, 25 navi hanno lasciato Odessa e altri porti ucraini, cariche di cereali e altri generi alimentari, con altre in arrivo. Hanno trasportato oltre 600 tonnellate di generi alimentari: cereali, mais, olio di girasole», ha ricordato. Infine un appello: «dobbiamo tutti fare di più per garantire il pieno accesso globale ai prodotti ucraini, nonché ai fertilizzanti e al cibo russi», ha concluso Guterres.

Ucraina, il piano per la pace della Turchia. Erdogan: «Così porteremo Mosca al tavolo delle trattative»