Trump in Irlanda noleggia 4 limousine delle pompe funebri

Spese folli alla Casa Bianca. Per i due giorni della visita di Donald Trump in Irlanda l'amministrazione Usa ha speso ben 935.033 dollari (circa 831.817 euro al cambio attuale) per noleggiare, con pagamenti a rate, quattro limousine dell'agenzia per servizi funebri JP Ward&Sons. Secondo quanto riporta il quotidiano britannico Guardian, che cita il sito ufficiale USASpending.gov, la somma è stata pagata in quattro tranche. Il dipartimento di Stato non ha risposto per il momento ad una richiesta di conferma da parte del giornale per la spesa, che a conti fatti ammonta a 233.758 dollari per auto.

Un conto a dir poco salato per i contribuenti d'oltre oceano anche volendo prestare fiducia allo slogan pubblicitario della ditta di pompe funebri secondo cui le auto della compagnia sono guidate da autisti professionisti: «La vostra comodità e sicurezza è la nostra priorità numero uno». Ditta che comunque non ha fornito alcuna informazione sulla transazione. Sempre secondo il Guardian, i documenti del Dipartimento di Stato americano indicano che la permanenza del presidente Trump e del suo staff all'hotel InterContinental London Park Lane è costata agli americani oltre 1,2 milioni di dollari. Per par condicio il quotidiano britannico ricorda che nel giugno del 2013 anche l'allora First Lady Michelle Obama e le sue figlie Sasha e Malia avevano noleggiato una limousine Mercedes Classe-E dalla JP Ward per tre giorni mentre il presidente Barack Obama partecipava al summit del G8 in Irlanda del Nord: in quell'occasione la spesa a carico dei contribuenti statunitensi fu di 114.000 dollari. Durante la campagna elettorale Trump aveva attaccato in più occasioni gli Obama per lo stile di vita troppo lussuoso. Quando però fu il tycoon ad insediarsi al 1600 di Pennsylvania Avenue, nei soli primi 5 mesi di permanenza, per rifare il look alla casa Bianca, a cominciare dallo Studio Ovale, spese 133mila dollari, come indicarono all'epoca alcuni media americani.

LE VOCI DEL MESSAGGERO

La doppia vita dei prof? Basta andare sui social

di Raffaella Troili