Norvegia, il tunnel sottomarino galleggiante

«Quando ho iniziato a lavorarci non sapevo affatto come sarebbe andata». La voce di Arianna Minoretti, ingegnere comasco di 39 anni a capo della ricerca norvegese sul ponte di Archimede, è quella di chi è molto orgoglioso del proprio lavoro. «Ho accettato la sfida e me ne sono presa la responsabilità - racconta mentre sta raggiungendo l’ennesima riunione del suo team di ricerca - ora posso dire che è stato un successo».

Leggi qui il nostro approfondimento

 


LE VOCI DEL MESSAGGERO

I lucchetti di Ponte Milvio si aprono con le chiavi di Villa Pamphili

di Pietro Piovani