Hai scelto di rifiutare i cookie

La pubblicità personalizzata è un modo per supportare il lavoro della nostra redazione, che si impegna a fornirti ogni giorno informazioni di qualità. Accettando i cookie, ci aiuterai a fornire una informazione aggiornata ed autorevole.

In ogni momento puoi modificare le tue scelte tramite il link "preferenze cookie" in fondo alla pagina.
ACCETTA COOKIE oppure ABBONATI a partire da 1€

Mykonos, 500 euro per 4 drink e uno spuntino: turista denuncia il Dk Oyster Bar

foto

Nessun menu' consegnato, neanche se rischiesto e insistenza da parte dei camerieri per ordinare crudité. Torna nella bufera delle polemiche il Dk Oyster Bar di Mykonos. Dopo una sanzione da oltre 30.000 euro che il titolare del locale deve pagare a seguito dei suoi "prezzi folli" ora sono due i turisti che denunciano l'illecito. Due birre, due martini e una dozzina di ostriche (prese solo per l'insistenza dei camerieri). 

Mykonos, 500 euro per 4 drink e uno spuntino: la denuncia della turista, ma il titolare replica: «Basta influencer scrocconi»

Mykonos, il Dk Oyster Bar di nuovo al centro delle polemiche

«Eravamo a Mykonos, sapevamo che sarebbe stato un conto elevato. 250 euro circa, ecco cosa pensavamo». Ma lo scontrino quando è arrivato ha lasciato Theodora, avvocato 50enne e il marito, senza parole. «Quando abbiamo ricevuto il conto era di circa 500 euro (£ 460). Mio marito continuava a dire, 'deve esserci un errore'». Hanno così provato a chiedere spiegazioni sull'importo ma, secondo la versione dell'avvocato, sono stati immediatamente circondati dai camerieri, «un gruppo di uomini grandi e massicci. Non hanno cameriere donne».

Mykonos, limonata 60 euro al ristorante. Turista denuncia su Tripadvisor: «Vacanza rovinata»

Insomma pare proprio che al Dk Oyster, nonostante tutte le denunce, e le recensioni negative su tripAdvisor non se ne parli di rivede i prezzi.

La replica del titolare

Anzi ora è proprio il titolare del ristorante che replica scocciato: «Purtroppo, tutti noi che lavoriamo nel settore dell'ospitalità siamo stati avvicinati da famigerati 'influencer' che invece di guadagnarsi da vivere pubblicizzando prodotti e servizi al loro pubblico, hanno fatto pressioni su alcune aziende per commissioni esorbitanti e pasti gratuiti»