Libano, proteste in piazza nel giorno della festa di indipendenza

Migliaia di libanesi sono tornati in piazza oggi a Beirut e nelle altre principali città del paese nel giorno dell'indipendenza nazionale e nel contesto delle massicce proteste popolari anti-governative in corso da metà ottobre. Lo ha constatato l'ANSA nel centro di Beirut. I manifestanti hanno inscenato una «parata civile» in piazza dei Martiri e nella vicina piazza Riad Solh, luoghi simbolo della mobilitazione contro il sistema politico, in risposta alla tradizionale parata militare organizzata dalle autorità. Il premier Saad Hariri si è dimesso a fine ottobre. E da allora il capo di Stato Michel Aoun non ha ancora avviato le consultazioni politiche previste dalla costituzione. Nonostante le banche e le scuole hanno riaperto, la mobilitazione rimane massiccia e diffusa in tutto il paese. Ai cortei di oggi a Beirut hanno preso parte tutte le categorie professionali, tra cui anche i veterani dell'esercito, studenti universitari e delle scuole secondarie, giornalisti, esponenti delle organizzazioni non governative. Stamani i principali leader politico-confessionali si erano invece riuniti nel compound fortificato del ministero della difesa nella località di Yarze, fuori Beirut, per assistere una parata militare «simbolica».

LE VOCI DEL MESSAGGERO

L’asse Ficcardi–Cacciatore, la coppia che punta l’indice

di Simone Canettieri