Antartide, si stacca il più grande iceberg del mondo: è vasto quanto il Molise

foto

L'iceberg più vasto al mondo si stacca dall'Antartide: si chiama A76 e si trova nel mare di Weddell. È vasto quasi 4400 km quadrati, un'area equivalente alla superficie del Molise, ed è sotto osservazione con il satellite Copernicus-1 dell'Agenzia spaziale europea. Il suo predecessore si è appena sciolto dopo due anni nei mari del sud.

Climate change, dalla Puglia la tecnologia salva pianeta: trasforma in informazioni i dati di Sentinel-6

Video

 

L'iceberg è stato individuato in immagini recenti catturate dalla missione satellitare Copernicus Sentinel-1 e con una lunghezza di circa 170 chilometri e una larghezza di 25 chilometri, è leggermente più grande dell'isola di Maiorca. Intercettato dal British Antarctic Survey, è stato confermato dal National Ice Center degli Stati Uniti utilizzando le immagini Copernicus Sentinel-1.

 

«È attualmente l'iceberg più grande, ma non è anomalo in quanto iceberg di queste dimensioni si staccano dalle piattaforme di ghiaccio antartiche all'incirca ogni due anni», ha detto all'ANSA il glaciologo Massimo Frezzotti, del dipartimento di Scienze dell'Università Roma Tre. «Il distacco degli iceberg è un fenomeno ciclico, che rientra nella fisiologia», val a dire che è legato al comportamento dei ghiacci. La neve che cade sulla calotta, nel cuore del continente antartico, viene trasportata dai ghiacciai che scendono verso le coste e alimentare le piattaforme di ghiaccio galleggianti. Questo fronte di ghiaccio avanza ogni anno al ritmo di compreso fra 500 metri e un chilometro finché, come accade in tutti i ghiacciai, non si formano dei crepacci. Questi gradualmente si allargano finché la piattaforma non si stacca dando origine all'iceberg. Il distacco di un iceberg è quindi un fenomeno fisologico, legato all'avanzamento e all'arretramento periodico delle piattaforme di ghiaccio lungo le coste antartiche. «Non c'è relazione con il riscaldamento globale, ma questo non significa - rileva Frezzotti - che in Antartide non stiano avvenendo cambiamenti climatici. Il problema che stiamo osservando è che la criosfera sta cambiando e in Antartide non sappiamo se alcuni ghiacciai siano arrivati al punto di non ritorno».

 

Il precedente primato

Il più grande iceberg registrato in precedenza è l'A-32A di circa 3.880 chilometri quadrati, sempre nel Mare di Weddell. L'iceberg A-74 che si è staccato dalla piattaforma di ghiaccio di Brunt in Antartide a febbraio di quest'anno era di 1.270 chilometri quadrati, le dimensioni di Los Angeles.

AstraZeneca, Speranza: «Stop vaccino per gli under 60»