Coronavirus, preghiere, bandiere e silenzio: in strada e nelle fabbriche la Cina si ferma per ricordare le sue vittime