Preso il cannibale russo, è accusato di aver divorato tre amici: trovati resti anche di cani e gatti

«Il presunto cannibale è stato messo in gabbia», titolano alcuni giornali russi. L’uomo è stato arrestato dopo che i cadaveri parzialmente divorati di tre vittime sono stati trovati insieme a cani, gatti e uccelli smembrati. Nemmeno nei peggiori film horror accade. Ma questa è la realtà dei fatti. Il 51enne è accusato di aver pugnalato a morte tre suoi amici dopo essersi addormentati e dopo averli fatti bere. Il comitato investigativo russo ha spiegato che «dopo aver tagliato i loro corpi, ha iniziato a mangiarli prima di smaltire i resti dentro alcuni sacchetti di plastica». Resti poi ritrovati in un canale fluviale nel distretto della città di Arkhangelsk, nella Russia settentrionale.

Serial killer 80enne regalava polpette di carne umana ai bambini del quartiere

Uccide la ex e ne mangia cuore e cervello: a processo 46enne che aveva già ucciso una ragazza

Il 51enne è accusato di aver pugnalato a morte tre suoi amici dopo essersi addormentati e dopo averli fatti bere. Il comitato investigativo russo ha spiegato che «dopo aver tagliato i loro corpi, ha iniziato a mangiarli prima di smaltire i resti dentro alcuni sacchetti di plastica». Resti poi ritrovati in un canale fluviale nel distretto della città di Arkhangelsk, nella Russia settentrionale. Gli omicidi sono avvenuti tra marzo 2016 e marzo 2017, in un luogo vicino alla città. Gli investigatori dopo l’arresto hanno spiegato: «Oltre al cannibalismo, uccideva e mangiava regolarmente gatti, cani e altri piccoli animali e uccelli. I loro resti ossei sono stati trovati nei sacchetti insieme a quelli umani».

Pugnala a morte l’ex fidanzata, poi le mangia il cuore

Si dice che l’imputato abbia iniziato a vivere in uno degli appartamenti di una delle sue vittime mentre raccontava ai genitori dell’uomo ucciso che loro figlio lavorava in un’altra città. La stessa spiegazione fu data in seguito agli agenti di polizia che cercavano la persona scomparsa. Le altre due vittime non avevano parenti, il che significa che non fosse stata denunciata la loro scomparsa. «Considerando che le parti dei cadaveri sono state trovate a frammenti, e che è stata difficile la loro identificazione - spiegano fonti investigative -, si è risaliti alla loro identità solo grazie a un gran numero di vari esami, molto complessi».

LE VOCI DEL MESSAGGERO

Con la febbre in aeroporto non si finisce in quarantena

di Mauro Evangelisti